Alluminio tossico per il cervello

Per chi è interessato a ricevere le schede tecniche gratuite dei detossificanti, può fare richiesta scrivendo su contatti

alluminio

L’Alluminio Tossico per il Cervello

L’alluminio è un metallo tossico diffuso come contaminante negli alimenti e bevande confezionate che quotidianamente mangiamo.

Molti scienziati hanno messo in guardia la classe medica sulla pericolosità dell’alluminio nei riguardi della salute del consumatore;

Ci sono molte ricerche che affermano che l’assunzione di alluminio con gli alimenti e bevande, può favorire la comparsa delle seguenti patologie:

  • Demenza senile
  • Alzheimer
  • Osteodistrofia renale e osteoporosi
  • Parkinson
  • Sclerosi Laterale Amiotrofica
  • Sclerosi Multipla
  • Rallentano la capacità di detossificazione dell’organismo

Alcune ricerche hanno dimostrato che iniettando microscopiche quantità nell’ippocampo di cavie di laboratorio sviluppavano sintomi simili alla demenza Umana.

L’alluminio è scarsamente assorbito dall’intestino e viene facilmente smaltito con le feci; L’allumino che entra nel circolo sanguigno sembra fare danni; Circa 5 – 20 mg al giorno di alluminio vengono eliminati con le urine.

Ma dove troviamo l’alluminio?

L’alluminio è ampiamente usato come materiale di imballaggio; Se ci fate caso la maggior parte degli imballaggi dei prodotti alimentari contiene diversi strati di materiali, tra cui un sottilissimo strato di alluminio grigio-metallico, separato dal contatto con l’alimento da uno strato trasparente di plastica.

Tuttavia una parte dell’alluminio a causa dell’umidità e dall’acidità del prodotto può sciogliersi, attraversare la pellicola di plastica e contaminare gli alimenti.

Contengono uno strato di alluminio:

  • Alcune buste di patatine confezionate
  • le lattine di bevande gassate
  • le confezioni di biscotti, Crachers, gelati confezionati, gomme da masticare, etc.
  • Alcune lattine per carne e pesce conservati
  • I contenitori per farmaci
  • Molti prodotti surgelati

Sono fonte di contaminazione alimentare di alluminio anche:

  • La Carta stagnola
  • I contenitori di carta stagnola
  • Alcuni utensili da cucina “forchette, coltelli, tegami, caffettiere”
  • Alcune tubature dell’acqua potabile

Altre fonti di contaminazione da alluminio, sono:

  • Alcuni deodoranti ascellari
  • Alcuni dentifrici
  • Alcuni saponi e cosmetici
  • Farmaci Antiacidi e antidiarroici
  • L’alluminio è presente Come Eccipiente in alcuni Vaccini

I prodotti alimentari più a rischio di contaminazione di alluminio sono le bevande acide gassate conservate in Lattine di alluminio; L’alluminio viene sciolto in parte dagli acidi della bevanda e viene poi ingerito dal consumatore; C è da dire però che la parete interna della lattina è verniciata con particolari vernice per minimizzare il rischio che gli acidi sciolgano l’alluminio.

Perché l’alluminio è ampiamente utilizzato negli imballaggi alimentari?

L’alluminio viene ampiamente utilizzato negli imballaggi dei prodotti alimentari perché presenta i seguenti vantaggi tecnologici:

  • è molto leggero con peso specifico di appena 2,68
  • I fogli di alluminio che si ottengono sono molto molto sottili
  • Rendono l’imballaggio impermeabile alla luce, all’umidità ambientale ed all’ossigeno, isolando il prodotto alimentare dall’ambiente esterno, proteggendolo dall’ossidazione e aumentando il tempo di conservazione
  • L’alluminio ha una ottima conducibilità del calore permettendo a surgelati, gelati e bevande in lattina di refrigerarsi e/o congelarsi rapidamente.
  • È abbastanza resistente alla corrosione degli acidi

Riferimenti Bibliografici

  1. Chimica degli alimenti di Patrizia Cappelli, seconda edizione 2000 – Zanichelli Bologna, Capitolo 9 “contaminazione chimica degli alimnti”, pagine 198 – 199
  2. Guarire con il Metodo Gerson – Macroedizioni Editore, Pagina 117
  3. Le 100 Regole del Benessere del Dottor Fabrizio Duranti – Spearling & Kupfer editori -Capitolo 43 “Diffidate dall’alluminio”, pagine 139 -140
  4. La farmacia degli alimenti di sergio Caselli e Adriano Rubini, MEB editore, pagine 209 -210.

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.