Per Bruciare Meglio i Grassi, Riduci l’Infiammazione

Per Bruciare Meglio i Grassi, Riduci l’Infiammazione

Siete interessati a ricevere le schede tecniche dei prodotti che aiutano a dimagrire e/o a ridurre l’infiammazione, contribuendo a migliorare la forma fisica? —allora FATE RICHESTA scrivendomi su contatti ——-> CONTATTI

La sofferenza delle cellule dell’organismo dovute ad un trauma, ad una infezione, ad uno stress o alla cattiva alimentazione stimola la secrezione di citochine infiammatorie, tra cui il TNF che si accumulano nel sangue andando ad alterare il metabolismo cellulare.

Una persona sana e con poche citochine infiammatorie, possiede un metabolismo perfetto di tipo aerobico, che ha luogo nei mitocondri.

Un metabolismo sano di tipo aerobico produce poca acidità e predilige la combustione dei grassi a quella degli zuccheri.

Quando invece alcune cellule subiscono un trauma o un infezione, vanno in sofferenza e liberano citochine infiammatorio, tra cui il TNF-alfa. Queste citochine infiammatorie sono in grado di rallentare la respirazione cellulare, favorendo la produzione di acido lattico e anidride carbonica.

Le cellule sotto l’azione delle citochine infiammatorie “il TNF-alfa, il BAFF e simili”, modificano il loro metabolismo e da ossidativo diventano fermentativi, e diventano ghiotti di glucosio e sodio per produrre grandi quantità di acido lattico e anidride carbonica che rendono acido e asfittico l’ambiente extra cellulare.

Quindi per avere un metabolismo perfettamente aerobico che produce poche scorie acide bisogna ridurre la quantità di citochine infiammatorie, in particolare il TNF e BAFF.

Per ridurre queste citochine infiammatorie è necessario limitare il più possibile le sorgenti di infiammazione, che possono essere:

  • l’Irritazione delle mucose gastro – intestinali dovute alla cattiva alimentazione
  • le reazioni allergiche delle Intolleranze alimentari
  • Lo stress psicologico
  • gli accessi dentari
  • le scottature
  • i traumi
  • le infezioni virali e/o batteriche
  • l’inquinamento
  • le disbiosi intestinali e la candida
  • lo scarso riposo
  • la sedentarietà e l’eccessivo allenamento
  • alcol e fumo di sigaretta
  • l’uso di alcune droghe (la morfina e la cocaina per esempio sono dei forti attivatori dell’infiammazione attraverso l’attivazione delle proteine NF-KB e AP-1).

Riducendo gran parte delle sorgenti che generano infiammazione, si riducono i livelli ematici delle citochine infiammatorie TNF-alfa e BAFF e di conseguenza migliora il metabolismo; in assenza di infiammazione, i mitocondri delle cellule funzionano bene e bruciano prevalentemente grassi producendo energia con poche scorie acide e si prevengono molte malattie.

Per ridurre l’infiammazione, utili sono alcuni integratori alimentari antinfiammatori a base di fitocomposti, molecole metilanti, oligominerali e vitamine. Se sei interessato a saperne di più, per ridurre l’infiammazione con integratori alimentari, potete scrivermi su contatti.

Scritto e Pubblicato

dal Dottor Liborio Quinto

 

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

2 Risposte a “Per Bruciare Meglio i Grassi, Riduci l’Infiammazione”

  1. Buongiorno dottor Liborio Quinto
    Il mio problema soffro sicuramente di acidità e vedo la mia pancia che conferma-
    I miei pasti sono insalate prima dei secondi senza pane pasta –
    La colazione senza latticini con uova verdure e affettati prosciutto crudo-
    Ho difficoltà nella evacuazione per formazione di feci dure come biglie-
    Mi piace la frutta
    Desidero un suo consiglio per migliorare questo stato-
    Grazie infinite

    1. Dovrebbe provare a fare delle lunghe passeggiate per stimolare la peristalsi intestinale; un aiuto possono darlo i kiwi e le prugne. noto che la sua dieta è carente di carboidrati complessi, il chè potrebbe rallentare l’intestino;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.