Composizione dei Gas Intestinali: Idrogeno e Metano

COMPOSIZIONE DEI GAS INTESTINALI: IDROGENO E METANO
COMPOSIZIONE DEI GAS INTESTINALI: IDROGENO E METANO

Composizione dei Gas Intestinali: Idrogeno e Metano

Per Info sulle sostanze per il benessere intestinale, scrivetemi su –> CONTATTI

La composizione dei gas intestinali, cambia metro dopo metro, lungo il tubo digerente; la composizione di gas dello stomaco, si avvicina a quello della atmosferica: 79% di Azoto, 17% di ossigeno e 4% di CO2.

La composizione dei gas intestinali del colon (flautus), è variabile in funzione della dieta e della composizione microbica, e contiene:

  • Azoto 23 – 80%
  • Ossigeno 2%
  • Idrogeno gassoso 0,06 – 47%
  • Metano 26%
  • Anidride carbonica 5 – 21%

I neonati, nelle prime ore di vita non espellono ne Idrogeno e ne metano; i neonati incominciano ad espellere Idrogeno (ma non metano), poco dopo la loro prima alimentazione, forse per la presenza di escherichia coli.

Animali privi di batteri intestinali (detti germ – free), non producono ne idrogeno e ne metano, ma appena vengono contaminati da batteri probiotici, incominciano a produrre idrogeno e metano.

Nell’essere umano adulto, l’idrogeno è prodotto nell’intestino tenue e crasso, mentre il metano solo nell’intestino crasso.

Nei bambini, l’idrogeno gassoso viene prodotto costantemente entro 48 ore dalla nascita, tutti i giorni; il metano non è stato rilevato nei bambini sotto i 12 anni di vita.

Dai 10 anni in su, la popolazione può essere suddivisa in:

  • Produttori di Metano
  • Non produttori di Metano

I 2/3 della popolazione adulta (67%) è “non produttore di metano”, con metano espirato inferiore a 1 ppm sopra la concentrazione di metano atmosferico (1,8 ppm).

Circa 1/3 degli adulti (33%) è “forte Produttore di Metano”, con una media nell’alito di 23 ppm e con una % di metano nel Flatus del 34% in volume.

L’idrogeno gassoso ha proprietà salutari per l’organismo: Dall’intestino, diffonde nell’organismo, e neutralizza i radicali liberi, proteggendo il cervello e gli organi, dallo stress ossidativo e dalle infiammazioni. Esiste una ricerca che dimostra che le persone malate di parkinson producono meno idrogeno intestinale, rispetto alle persone sane, Il titolo della Pubblicazione medica è “Quantification of hydrogen production by intestinal bacteria that are specifically dysregulated in Parkinson’s disease“.

Al contrario, il metano sembra inerte, ed ad alte concentrazioni può causare intossicazioni. Il metano per ossidazione, può formare il Metanolo (da non confondere con l’alcol etilico), che è devastante per il sistema nervoso centrale.

Una forte produzione di metano, potrebbe favorire la produzione intestinale di metanolo, alterando la funzionalità cognitiva; Il metanolo infatti è molto tossico al cervello, ed alcuni sospettano che possa favorire addirittura l’autismo (Vedi articolo Autismo e Aspartame E951).

Nell’intestino, infatti esistono dei batteri che esprimono l’enzima METANO MONOSSIGENASI EC 1.14.13.25, in grado di trasformare delle piccole quantità di metano prodotto nell’intestino in Metanolo, intossicando il sistema nervoso centrale.

Pertanto è bene favorire lo sviluppo di una flora batterica che produce molto idrogeno e poco metano: L’Idrogeno fornisce protezione al cervello e all’organismo, mentre il metano può diventare precursore del metanolo.

Per Info sulle sostanze per il benessere intestinale, scrivetemi su –> CONTATTI

Sulle proprietà terapeutiche dell’idrogeno gassoso, ci sono migliaia di pubblicazioni sui database scientifici internazionali: Pare essere utile contro l’Alzheimer, il Parkinson, i tumori, e le malattie infiammatorie. Grazie a queste proprietà, in commercio si sono diffusi piccoli elettrodomestici in grado di produrre acqua alcalina a base di idrogeno gassoso, che pare diano benefici al consumatore.

Tuttavia è bene sottolineare che i microbi intestinali sono la principale fabbrica di idrogeno gassoso e metano. Se seguiamo una alimentazione corretta, ricca di fibre vegetali solubili, contenenti i FODMAPs (fibre solubili), stimoliamo la formazione di Bifidobatteri produttori di Idrogeno.

I FODMAP sono oligosaccaridi a base di fruttosio, ramnosio, galattosio, che non vengono digeriti ed assorbiti nell’intestino, e quindi raggiungendo l’intestino crasso, vengono fermentati dai bifidus batteri per produrre Idrogeno.

Una dieta ricca di FODMAPs, stimola i Bifidobatteri produttori di acidi grassi volatili (acido butirrico) e idrogeno gassoso. I principali FODMAP produttori di idrogeno, sono:

  • I FOS (si trovano nei Cachi, banana, frutta in generale, verdure e topinambur)
  • Inulina (topinambur, banana, cicoria, bietola, etc)
  • Lattulosio (un oligosaccaride sintetico, derivato dall’isomerizzazione del lattosio; Il Latte riscaldato, trasforma una piccola parte di lattosio in Lattulosio). L’ingestione di lattulosio, stimola molto la produzione di idrogeno gassoso intestinale, ma è lassativo.

Per Info sulle sostanze per il benessere intestinale, scrivetemi su –> CONTATTI

Curiosità sulle Mucche che producono metano.

Le Mucche sono grandi produttori di metano intestinale; la produzione di metano si concentra nel rumine e circa il 10% dell’energia del foraggio ingerito viene trasformato in metano. Il metano viene espulso dalla mucca, tramite l’aria espirata durante la ruminazione. Si stima che una mucca può rilasciare nell’ambiente circa 250 – 500 Litri di metano al giorno, contribuendo all’inquinamento ambientale.

Un allevamento intensivo di 1000 vacche, può rilasciare nell’ambiente, dai 250 mila ai 500 mila litri di metano al giorno. Insomma, l’allevamento intensivo contribuisce all’inquinamento da gas serra.

Nel Video Persone che Scorreggiano riprese con telecamera a raggi infrarossi che individua le fonti di Calore

Per Info sulle sostanze per il benessere intestinale, scrivetemi su –> CONTATTI

Fonte Bibliografica (Composizione dei Gas Intestinali: Idrogeno e Metano)

Desclaimer: Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.