Fotosintesi della vitamina D

Fotosintesi della vitamina D

Fotosintesi della vitamina D e Acidosi

Per Info su vitamina D e alcalinizzanti, scrivetemi su CONTATTI

L’estate è un occasione per far scorta gratuita di vitamina D. Grazie all’esposizione solare, la pelle può trasformare un precursore del colesterolo, in vitamina D, ed accumularlo come riserva nel fegato e nel tessuto adiposo.

Quello che pochi sanno, e che l’accumulo estivo di vitamina D, è ostacolata dalle scorie acide prodotte dal corpo ed assunti con la dieta.

Il principale nemico della vitamina D, sono gli eccessi di fosfati, assunti con la dieta.

I fosfati prevalgono nei cibi acidificanti, come la carne, il pesce, i formaggi, i salumi, ed i cereali.

Una dieta ricca di cibi acidificanti, indebolisce le ossa, e logora l’organismo perché interferisce negativamente sul metabolismo della vitamina D.

Con ciò, non voglio dire che “non bisogna mangiare proteine e cereali”, ma voglio dire che “occorre mangiare cereali e proteine animali in associazione a generose quantità di frutta, verdura ed ortaggi”.

Le verdure e la frutta, cotte e crude che siano, apportano minerali alcalini che neutralizzano le scorie acide ed i fosfati in eccesso, contribuendo a migliorare il metabolismo della vitamina d ed il trofismo osseo e muscolare.

In estate, occorre approfittare del sole, per far scorta di vitamina D, e mangiare molta verdura e frutta d stagione, per neutralizzare i fosfati, ottimizzando l’accumulo e l’attivazione della vitamina D.

Per Info su vitamina D e alcalinizzanti, scrivetemi su CONTATTI

Perché i minerali acidificanti distruggono le riserve di vitamina D?

Gli alimenti ricchi di minerali acidificanti, contengono molto fosforo; il fosforo se prevale sul calcio e magnesio, stimola il tessuto osseo a produrre l’ormone FGF-23.

L’ormone FGF-23, fa due cose brutte contro la vitamina D:

  1. induce l’espressione genica dell’enzima epatico Cyp24, che distrugge le riserve di vitamina D accumulate nel fegato.
  2. Inibisce l’espressione genica dell’enzima renale Cyp27B1, che trasforma la vitamina d, in vitamina D attiva (Calcitriolo).

Quindi, una dieta ricca di proteine e cereali, non bilanciata da ortaggi e frutta, contribuisce ad aumentare i livelli di fosfato, che a loro volta stimolano l’osso a produrre FGF-23, che blocca e distrugge le riserve della vitamina D.

Curiosità sull’enzima che attiva la Vitamina D in super-attiva, presente nei reni. L’enzima si chiama Cyp27B1, ed è anche chiamato Calcidiolo monossigenasi EC1.14.15.18; come cofattore richiede il NADPH, che a sua volta si forma dalla vitamina B3 (Niacina) eviene ricilata dalla G6PD, il 1° enzima della via dei pentosio fosfato, che richiede una sufficiente quantità di carboidrati nella dieta. Quindi anche le diete prive di carboidrati, possono interferire negativamente sui livelli di vitamina D attiva, favorendo l’osteoporosi, ed altre problematiche.

Per aiutare il corpo ad alcalinizzarsi, molte aziende hanno progettato diversi integratori alimentari, che contribuiscono a neutralizzare l’eccessivo carico acido delle diete povere di frutta e verdura.

Per Info su vitamina D e alcalinizzanti, scrivetemi su CONTATTI

Curiosità! Bastano pochi minuti di sole, presi in costume da bagno, per produrre tanta vitamina D. Nella tabella, riassumo i tempi di esposizione al sole:

Fotosintesi della vitamina D

Fonte Bibliografica (Fotosintesi della vitamina D)

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.