Fruttosio e Galattosio : Attenzione a non esagerare

per chi è interessato a seguire i miei post, può iscriversi al latte-2gruppo ALIMENTAZIONE E SALUTE (CLICCA ED ISCRIVITI)

Alle Volte, l’assunzione eccessiva di alcuni zuccheri, possono nuocere alla salute;

Vediamo di spiegare il Perché!

Le cellule del nostro organismo e sopratutto il Nostro Cervello, la nostra retina ed i nostri nervi, utilizzano come carburante principale il glucosio.

Il glucosio è lo zucchero del sangue, e la concentrazione di glucosio nel sangue prende il nome di glicemia; la glicemia a digiuno deve essere compresa tra i 75 mg/dl ed i 100 mg/dl.

Se il glucosio nel sangue, scende sotto un certo livelli si rischia l’ipoglicemia (sudorazione a freddo, agitazione, spossatezza, debolezza) e nei casi gravi si rischia anche il Coma e la Morte;

Senza glucosio non si può vivere!

Il glucosio viene fornito all’organismo a mezzo di alimenti amidacei, ricchi di amido, come il pane, la pasta, i legumi, la polenta, le patate, etc., ed in minima parte da frutta e verdura;

Ma negli alimenti, sono spesso presenti altri zuccheri semplici, come il Fruttosio ed il galattosio;

Il fruttosio abbonda nel miele ed in molti tipi di frutta, come le ciliegie, le pere, etc.

Il galattosio, invece deriva dalla digestione del Lattosio contenuto nel latte e latticini.

Il fruttosio ed il galattosio, entrati nel sangue devono assolutamente essere trasformati in glucosio nel fegato; Il fegato trasforma fruttosio e galattosio in glucosio, rilasciandoli poi nel sangue per essere utilizzati dalle cellule;

Se il Fegato non riesce a trasformare in glucosio l’eccesso di fruttosio e/o di galattosio, ecco che si rischia la salute, mettendo in sofferenza organi e tessuti.

A patirne maggiormente le conseguenze sono il fegato e l’occhio.

Ci sono persone che hanno una carenza genetica per gli enzimi che trasformano il fruttosio ed il galattosio in glucosio, e rischiano di ammalare il fegato anche semplicemente mangiando grandi quantità di frutta o bevendo latte.

Vediamo i due casi.

Persone che non metabolizzano il fruttosio.

Il fruttosio è presente nel Miele, frutta, marmellate e zucchero da cucina. Ingerendo il fruttosio, appena entra nel sangue, viene indirizzato nel fegato, il quale tramite l’enzima FRUTTOSIO-1-FOSFATO ALDOLASI B convertendolo nell’innocuo glucosio.

Ci sono delle persone che non esprimono questo enzima, oppure esprimono una fruttosio-1-fosfato-aldolasi-B difettata per la presenza di qualche mutazione genetica; ebbene, queste persone, possono ammalarsi se seguono una dieta ricca di frutta, miele, marmellate e zucchero da cucina; Il loro fegato non riuscendo a trasformare il fruttosio in glucosio, fa si che il fruttosio si accumula nell’organismo e genera infiammazione. Il fegato poi tende ad ammalarsi con il rischio di sviluppare una steatosi epatica, una cirrosi e/o addirittura un carcinoma epatico; Parte del fruttosio, poi potrebbe accumularsi anche al livello del cristallino, ossidandosi e favorire le cataratta.

Queste persone, per vivere bene e mantenere in salute il loro fegato, devono evitare i cibi contenenti fruttosio, tra cui la frutta, ed in particolare pere e ciliegie. Anche lo zucchero da cucina ed il miele va evitato in questi soggetti; Per valutare una carenza genetica della FRUTTOSIO-1-FOSFATO-ALDOLASI-B, è necessario fare un Test genetico specifico per tale enzima.

Persone carenti di enzimi per la digestione del Galattosio (PER APPROFONDIRE, LEGGERE ANCHE “IL LATTOSIO IN ETA’ADULTA”

Il galattosio è uno zucchero semplice presente nello zucchero complesso del latte, “il lattosio”.

Il lattosio è contenuto nel latte di vacca alla concentrazione di 4,6 grammi/100ml

Il lattosio è presente nel latte di donna, asina e cavalla, alla concentrazione di 6 – 7 grammi/dl

Il lattosio ingerito con il latte, e latticini, viene scisso dalla lattasi intestinale in glucosio e galattosio;

Glucosioe galattosio poi vengono assorbiti nel sangue, ma solo il glucosio può essere subito utilizzato a scopo energetico e biosintetico; Il galattosio invece No!; per essere utilizzato, deve entrare nel fegato ed essere convertito da una serie di enzimi in GLUCOSIO;

Ebbene, non tutti gli adulti riescono a metabolizzare grandi quantità di galattosio; pertanto una dieta ricca di latte e latticini, può creare problemi di salute a carico del fegato, in quanto l’eccesso di galattosio non trasformato, si accumula nel fegato e nei tessuti intossicando l’organismo;

Inoltre ci sono dei bambini che nascono con una grave forma di carenza di enzimi che convertono il galattosio in glucosio; Questi bambini, rischiano la Morte bevendo il LATTE MATERNO; Questa carenza enzimatica si chiama GALATTOSEMIA, e i neonati non possono bere neanche il latte materno perché risulta veleno per il loro fegato.

Fortunatamente Oggi non si muore più di galattosemia, perché tutti i bambini appena nati, vengono sottoposti in ospedale ad una serie di test genetici, tra cui quello della galattosemia e della fenilchetonuria; Se viene accertata la presenza di questa carenza genetica, i medici predispongono per il bambino delle diete specifiche alternative al latte materno.

La galattosemia è più grave dell’intolleranza al lattosio, L’intolleranza la lattosio è una carenza di lattasi a livello intestinale e una dieta ricca di latte in questi soggetti crea semplici dolori intestinali, nausea e vomito; La galattosemia invece è ben più grave, ed il galattosio contenuto nel lattosio del latte diventa un vero veleno.

Post scritto dal Tcnologo Alimentare Dottor Liborio Quinto

Nota Legale 

Le Informazioni contenute in questo Blog non intendono sostituirsi al parere professionale del medico. L’utilizzo di qualsiasi informazione qui riportata è a descrizione del lettore. L’autore e l’amministratore del Blog si sottraggono a qualsiasi responsabilità diretta o indiretta derivante dall’uso o dall’applicazione da qualsivoglia indicazione riportata nel Blog Alimentazione e Nutraceutica. Per ogni problema specifico si raccomanda di consultare uno specialista

 

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.