La Niacina, microflora intestinale e Corsa migliorano il colesterolo attivando il recettore GRP109A

La Niacina, microflora intestinale e Corsa migliorano il colesterolo attivando il recettore GRP109A

niacina

Niacina, attività fisica e Fibra solubile riducono i trigliceridi e colesterolo cattivo LDL e incrementano quello Buono HDL.

La Niacina è una delle 3 forme della vitamina B3 che ha una proprietà Nutraceutica singolare: Quella di migliorare i livelli di colesterolo e grassi nel sangue attraverso l’innalzamento del colesterolo Buono HDL e l’abbassamento dei trigliceridi e del colesterolo cattivo LDL .

La proprietà ipolipidemizzante della niacina si conoscono sin dal 1950; all’epoca i medici prescrivevano la niacina come integratore per abbassare il colesterolo ed i trigliceridi nel sangue.

Poiché la Niacina presa in dosi farmacologiche può avere effetti collaterali avversi, questa pratica è stata abbandonata, sostituendola con l’uso di farmaci.

Gli effetti collaterali causati da alte dosi di niacina sono:

  • Arrossamento della pelle
  • mal di stomaco
  • mal di testa
  • Vertigini
  • Visione Offuscata
  • Rischio di danni al fegato

l’Industria degli integratori alimentari di vitamina B, per evitare i problemi legati all’assunzione di niacina, hanno deciso di sostituire negli integratori la Niacina con la Nicotinammide.

La Nicotinammide è una forma della vitamina B3 che non genera gli effetti collaterali e farmacologici della niacina. Ecco perché oggi è raro trovare in commercio integratori alimentari contenenti Niacina; La maggior parte contiene Nicotinammide. Ma la Nicotinammide non riduce il colesterolo come la sorella Niacina, perché non si lega al recettore cellulare della Niacina “la GRP109A”.

Quindi Niacina e Nicotinammide sono 2 forme di vitamina b3 con effetto farmacologico diverso:

  1. la Niacina (acido nicotinico) si lega al suo recettore GRP109A, riducendo i livelli di colesterolo cattivo LDL e trigliceridi e aumenta il colesterolo buono HDL.
  2. La nicotinammide non interagisce con il recettore GRP109A, quindi non è in grado di abbassare il colesterolo come invece fa la Niacina, però ha il vantaggio di non avere effetti collaterali.

Come fa la Niacina ad abbassare il colesterolo cattivo LDL?

La Niacina legandosi ai suoi recettori GRP109A, posti sulle membrane cellulari degli adipociti, blocca l’enzima HSL (lipasi ormono sensibile); La Niacina bloccando HSL, inibisce la lipolisi e quindi il rilascio dal tessuto adiposo di trigliceridi; in questo modo la Niacina riduce i livelli di trigliceridi nel sangue, perché inibisce la lipolisi. Probabile che contemporaneamente aumenta la captazione degli acidi grassi dal sangue a mezzo di un aumento dell’attività dell’enzima lipasi.

Come fa la Niacina ad aumentare i livelli di HDL?

La niacina legandosi ai recettori GRP109A posti sulle cellule del fegato, inibisce la captazione delle HDL circolanti da parte del fegato; In questo modo i livelli di HDL tendono a mantenersi elevati.

Alcuni effetti simili alla Niacina sui livelli dei grassi e colesterolo nel sangue ce l’ hanno anche l’attività fisica aerobica, gli acidi grassi volatili prodotti dalla flora batterica intestinale (acido butirrico e propionico) e il digiuno.

Il recettori GRP109A infatti non interagisce solo con la Niacina, ma è in grado di legarsi anche agli acidi grassi volatili provenienti dalla fermentazione della fibra vegetale solubile (acido butirrico propionico).

Una microflora intestinale eccellente associata ad una dieta ricca di fibra solubile favorisce la produzione di acido butirrico e propionico liganti per i recettori della niacina GRP109A. È risaputo ormai da anni che una microflora intestinale in ordine ed una dieta ricca di fibra migliora i livelli di grassi e colesterolo nel sangue; A contribuire a ciò probabilmente c è anche il fatto che gli acidi grassi prodotti dalla flora batterica intestinale interagiscono con i recettori GRP109a generando quasi gli stessi effetti fisiologici della Niacina.

Attività fisica prolungata e colesterolo

Anche l’attività fisica di resistenza favorisce l’abbassamento dei livelli di colesterolo e grassi nel sangue ed incrementa il colesterolo buono HDL;

I motivi di tale effetto sono numerosi; A contribuire a ciò probabile che partecipano anche i corpi chetonici che si formano durante l’attività aerobica prolungata; Durante prolungati allenamenti si forma il beta-idrossi-butirrato che è un corpo chetonico che si lega agli stessi recettori della niacina e dell’acido butirrico; il beta-idrossi-butirrato legandosi al recettore GRP109A, abbassa il colesterolo cattivo LDL e aumenta quello buono HDL.

Fonte Bibliografica

Nota Legale 

Le Informazioni contenute in questo Blog non intendono sostituirsi al parere professionale del medico. L’utilizzo di qualsiasi informazione qui riportata è a descrizione del lettore. L’autore e l’amministratore del Blog si sottraggono a qualsiasi responsabilità diretta o indiretta derivante dall’uso o dall’applicazione da qualsivoglia indicazione riportata nel Blog Alimentazione e Nutraceutica. Per ogni problema specifico si raccomanda di consultare uno specialista

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.