I Batteri del Tubo Digerente

i batteri del tubo digerente sono utili per il metabolismo, il sistema immunitario, la salute di ossa e articlazioni, la lucidità mentale e la fluidità del sangue,
i batteri del tubo digerente, producono metaboliti, utili per il metabolismo, il sistema immunitario, la salute di ossa e articlazioni, la lucidità mentale e la fluidità del sangue.
Per Info e schede tecniche su Ottimi Formulati probiotici, scrivetemi su-> CONTATTI

Il Tipo di Batteri che Ospitiamo nel Tubo digerente, può condizionare la fluidità del sangue, la glicemia, il metabolismo, la sorveglianza immunitaria e la capacità rigenerativa dei tessuti.

Non è fantascianza, ma è vera scienza! Pensate che certi Batteri “possono produrre Polisaccaridi Mucillaginosi a base di condroitina solfato, acido Ialuronico, Dermatans solfato, etc, che possono contribuire a rinforzare le cartilagini, la pelle, e mantenere sana e pulita la matrice etracellulare. Certi batteri son capaci di produrre sostanze simili all’eparina, che è utile nel fluidificare il sangue! Son tante le cose che producono i batteri, ed aver cura dell’Intestino è di fondamentale importanza per il mantenimento della salute.

Tutti i batteri e alghe son capaci di produrre polisaccaridi gelatinosi; Alcuni sono tossici, altri possono addirittura migliorare l’immunità e aiutare la rigenerazione dei tessuti.

Facciamo alcuni esempi!

Il Vibrio Diabolicus produce Acido Ialuronico che è un polisaccaride che può essere sfruttato in medicina per rigenerare la pelle ed i tessuti articolari. In mezzo ai batteri del tubo digerente, sicuramente ci sono microorganismi capaci di produrre acido Ialuronico, glucosammina solfato e Condroitina, che aiutano a migliorare la salute della pelle e dei legamenti..

Molti tipi di Escherichia Coli, sono capaci di produrre glucosammina solfato, condroitina, dermatan solfato, eparan solfato e acido ialuronico, contribuendo alla fluidità del sangue e alla prevenzione dell’invecchiamento cutaneo e delle articolazioni. Per esempio il Ceppo Escherichia Coli K5 e E.coli K4, e la Pasteurella Multocida, sono capaci di produrre GAG microbici (Glicosamminoglicani microbici), che possono fungere da nutrienti per la pelle e le articolazioni.

Un specie di alga spirulina “chiamata Arthospiraplatensis” è capace di produrre polisaccaridi in grado di inibire le metastasi ai polmoni. Probabile che “anche in una buona flora batterica intetsinale, ci siano batteri capaci di produrre queste sostanze, dando un forte contributo alla prevenzione dei tumori.

Adesso potete capire l’enorme importanza di possedere una flora batterica intestinale sana. Prendervi cura del vostro microbioma, significa contribuire al mantenimento della salute, molto più di quanto immaginavate.

I nemici della flora batterica intetsinale, sono l’alcol, i cibi ricchi di conservanti, la carenza di fibre vegetali, gli antibiotici (anche se bisogna utilizzarli come farmaco salvavita, quando il medico lo ritiene utile).

Con questo post, avete capito l’importanza di assumere i probiotici per la vostra dieta.

Kefir, yogurt, e integratori probiotici possono fornirnirvi utili microorganismi alleati della salute; esi non agiscono solo nell’intestino, ma su l’intero organismo, grazie ai tantissimi metaboliti secondari, da loro prodotti.

Se desiderate ricevere Info e Schede tecniche sui Probiotici, scrivetemi su –> CONTATTI

Di seguito un Video sull’utilità dei batteri lattici

Fonte Bibliografica

Bacterial Exopolysaccharides: Functionality and Prospects
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3509562

DESCLAIMER: Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

Precedente Polisaccaridi Gelatinosi dei Batteri Lattici Successivo Programma del Corso di Educazione Alimentare Auser di Marina di Ginosa (Taranto)

Lascia un commento