I Molluschi di Mare, fonte di Preziosi Oligominerali

I Molluschi di Mare, fonte di Preziosi Oligominerali

Volete ricevere le schede tecniche (gratuite) di Zinco, selenio e Vitamina C a sostegno delle Vostre difese immunitarie e detossificanti? Allora contattatemi chiedendo di C-Plus scrivendomi su —————————-> CONTATTI

Un alimento molto salutare sono i molluschi di mare come seppie, polpi, totani, cozze, vongole, ostriche e altri frutti di mare.Immagine correlata

I Molluschi di mare sono molto ricchi di proteine nobili completi di tutti gli aminoacidi essenziali e contengono anche piccole quantità di carboidrati, vitamina C e grassi omega-3.

I molluschi a differenza della carne e di altri pesci, contengono circa 2-3% di carboidrati sotto forma di glicogeno.

Le peculiarità nutrizionali dei molluschi sono la ricchezza in oligominerali, in particolare di selenio, zinco, rame e manganese

Questi 4 oligominerali sono rari trovarli negli alimenti comuni, e svolgono un ruolo importante nel corretto funzionamento del sistema immunitario. 

 

I molluschi di Mare sono ricchi di Selenio utile per tiroide e detossificazione 

Il Selenio è utilissimo per la detossificazione di farmaci, inquinanti e tossine in quanto permette il funzionamento della glutatione perossidasi; grazie al selenio l’organismo riesce a neutralizzare radicali liberi e inquinanti tramite il glutatione. Senza selenio, il glutatione non può difendere la cellula dagli agenti infettivi, fumo di sigaretta, alcool e additivi chimici; 100 grammi di polipo contengono mediamente 44 microgrammi di selenio.

Il selenio svolge anche un ruolo di primo piano nel metabolismo degli ormoni tiroidei; Il selenio infatti è il cofattore per l‘enzima 5-deiodinasi; la 5-deiodinasi si trova in muscoli, fegato, tessuto adiposo e cervello e serve per trasformare l’ormone tiroideo inattivo “il T4” in ormone tiroideo attivo T3. Senza selenio, il T4 fatica a trasformarsi in T3. (Vuoi Maggiori Info sul Selenio e gli altri oligominerali? scrivimi su contatti).

 

I Molluschi di mare sono ricchi di Zinco

Le carni di cozze, vongole, seppie, polpi, totani, etc sono una fonte eccezionale di zinco; Lo zinco è fondamentale per rinforzare le difese immunitarie e proteggere le cellule dallo stress ossidativo. Una carenza di zinco e selenio favorisce l’infiammazione e le allergie; ecco perché questi minerali sono importanti.

Lo zinco è il cofattore per l’enzima superossido dismutasi extracellulare che serve per neutralizzare lo ione superossido che è l’agente ossidante più reattivo e dannoso per l’organismo.

Una dieta ricca di zinco protegge l’organismo dalle infiammazioni.

Lo zinco sembra svolgere un ruolo protettivo nei confronti dei tumori al seno nella donna e della prostata nell’uomo. Lo zinco infatti frena l’attività enzimatica di due pericolosi enzimi: la aromatasi e la 5-alfa-reduttasi.

Per lo stesso motivo della prostata, lo zinco riesce a prevenire o frenare la calvizia androgenica nell’uomo; infatti l’enzima responsabile della caduta dei capelli nell’uomo è la 5-alfa-reduttasi over-espressa nel cuoio capelluto di alcune persone predisposte alla calvizia.

Lo zinco aiuta a prevenire la ginecomastia (sviluppo delle tette nell’uomo) e rinforza il sistema immunitario.

I Molluschi di Mare sono ricchi di Iodio utile per la tiroide

la tiroide fabbrica gli ormoni tiroidei T4 e T3, i quali contengono rispettivamente 4 e 3 atomi di iodio. Lo Iodio in molti alimenti è scarso ed una dieta poverissima di iodio favorisce la genesi del Gozzo “ingrossamento del pomo di Adamo” con sintomi di ipotiroidismo. I prodotti ittici in genere ed i molluschi in particolare sono ricchissimo in iodio e tirosina (un aminoacido anch’esso necessario per la fabbricazione degli ormoni tiroidei) e quindi assumere pesce, frutti di mare e molluschi da una mano alla tiroide.

I Molluschi hanno discrete quantità di vitamina C

Molti esperti in alimentazione pensano che la vitamina C sia contenuta esclusivamente nella frutta e verdura e che nei prodotti animali non ci sia traccia. Ebbene, queste persone si sbagliano! La vitamina C è ubiquitaria sia nei tessuti vegetali che animali, in particolare nei reni e nelle animelle; Nel regno animale, una fonte di vitamina C discreta sono rappresentate dalle carni dei molluschi; La seppia per esempio ne contiene circa 5,3 mg/100 grammi, ma quantità +/- simili si trovano anche negli altri molluschi. La vitamina C è fondamentale per rinforzare il tessuto connettivo di gengive, mucose, muscoli, pelle e cartilagine ed una sua carenza determina una malattia nota con il nome di scorbuto. Tuttavia è bene precisare che la cottura dei molluschi provoca un rapido degrado della vitamina C e pertanto è suggeribbile mangiare molta frutta e verdura cruda come fonte principale di vitamina C.

Fonte Bibliografica

Precedente La Frutta Respira e Produce Calore ed Etilene Successivo Come l'Omocisteina alta favorisce la Depressione e la Demenza

Lascia un commento