Il Fungo Prataiolo Anti-Aromatasi

Il Fungo Prataiolo Anti-Aromatasi

Per Info sui funghi del benessere, scrivetemi su → CONTATTI

I Funghi Prataioli (Agaricus bisporus), oltre ad essere buoni, sembrano contribuire a prevenire il tumore al seno, l’ipertrofia prostatica e la ginecomastia.

Il Tumore al seno e la ginecomastia (sviluppo del capezzolo nell’uomo), dipendono da un eccesso di estrogeni prodotti dall’enzima AROMATASI.

L’enzima AROMATASI (Cyp19), è espresso all’interno delle cellule adipose; maggiore è la massa grassa, maggiore è la presenza dell’ AROMATASI, è maggiore sarà la produzione di estrogeni. Per evitare un eccesso di estrogeni, è bene cercare di mettersi a dieta.

L’AROMATASI trasforma gli ormoni steroidei in estrogeni; troppi ormoni estrogeni, stimolano la ghiandola mammaria a svilupparsi, il che potrebbe essere un fattore di rischio di tumore al seno nelle donne, e un problema di ginecomastia (sviluppo delle tette), nell’uomo.

Un eccessiva presenza di AROMATASI nell’uomo, oltre a causare la GINECOMASTIA, può ridurre la fertilità maschile e predisporre all’ipertrofia prostatica benigna.

Diverse pubblicazioni scientifiche, suggeriscono che alcune sostanze contenute nel fungo Agaricus bisporus, rallentino l’attività enzimatica della AROMATASI, contribuendo a ridurre i livelli di estrogeni nell’organismo. Ciò si traduce in un minor rischio tumorale per la donna, e la prevenzione della ginecomastia nell’uomo.

Ovviamente, per ottenere un effetto terapeutico, gli scienziati suggeriscono di utilizzare estratti concentrati e purificati dei principi attivi del fungo. Il fungo come alimento ha blandi effetti!

Quali sostanze antitumorali sono presenti nel fungo Prataiolo?

Le sostanze antitumorali del fungo prataiolo, sono ancora in fase di accertamento, però sembra che l’effetto inibitorio sull’aromatasi, sia dovuto alla presenza dell’acido linolenico coniugato CLA (PMC).

Inoltre ci sono altre due sostanze potenzialmente antitumorali; Tra queste la professoressa Wangsa Tirta Ismaya et al (PMC7287795), cita:

  1. La Tirosinasi (detta anche PPO)
  2. La Lectina A. bisporum, chiamata anche ABL o ABA oAgglutinina di A Bisporum.

La Tirosinasi è un enzima che produce L-DOPA, precursore del Dopaquinone che a sua volta si converte in melanina. Il dopaquinone, durante la conversione in melanina, produce radicali liberi con azione citotossica, e questa potrebbe essere un possibile effetto antitumorale.

La Lectina A, è una proteina che si lega a specifici oligosaccaridi legati a glicoproteine e/o glicolipidi. Le lectine si legao anche ai ribosomi, interferendo sulla sintesi delle proteine.

Il Fungo Prataiolo Anti-Aromatasi

Fonte Bibliogradica (Il Fungo Prataiolo Anti-Aromatasi)

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.