La migliore uva è quella nera

La migliore uva è quella nera
La Buccia Nera dell’uva contiene Resveratrolo

La migliore uva è quella nera, perché la buccia contiene resveratrolo, un pigmento rosso benefico alla salute del consumatore. L’uva nera più ricca di resveratrolo è quella coltivata ad alta quota, perché la luce solare è più ricca di ultravioletti nocivi e l’uva per difendersi è costretta ad accumulare resveratrolo nella buccia. Anche i vini rossi contengono resveratrolo, e quelli che ne contengono di più, derivano dalle uve nere raccolte in alta quota e zone collinari.

Per Info sui formulati più ricchi di antiossidanti e polisaccaridi che rinforzano le difese immunitarie, scrivetemi su –> CONTATTI

Ma perché è così importante il resveratrolo?

La letteratura scientifica attribuiscea questa sostanza, proprietà antidiabetiche, cardiovascolari, neurprotettive, preventive dell’obesità, anticancro, antiossidanti ed antinvecchiamento. Grazie a queste proprietà, molte industrie farmaceutiche e cosmetiche hanno messo in commercio svariati prodotti fortificati al resveratrolo.

Per Info sui formulati più ricchi di antiossidanti e polisaccaridi che rinforzano le difese immunitarie, scrivetemi su –> CONTATTI

Più i grappoli di uva nera sulla pianta sono esposti agli ultravioletti della luce solare è più resveratrolo producono. Gli utravioletti del sole sono nocivi agli esseri viventi; Le piante sono dotate di un sensore cellulare chiamato UVR8, che rivela la quantità di ultravioletti nella luce; Quando la luce solare è troppo ricca di ultravioletti, il sensore cellulare UVR8, viene attivato, e trasloca nel nucleo della cellula vegetale, stimolando l’espressione dei geni per la produzione ed accumulo di resveratrolo ed altri antiossidanti. Poiché in alta quota, la luce solare è più ricca di pericolosi ultravioetti, il sensore UVR8, viene fortemente attivato, inducendo le cellule della buccia dell’uva ad accumulare più resveratrolo.

Un modo alternativo per stimolare le bacche d’uva nera ad accumulare resveratrolo, è quello di esporre i grappoli per alcuni minuti (non ricordo i tempi), agli ultravioletti emessi da lampade UVB.

Pertanto l’uva migliore da mangiare è quella nera, la cui qualntità aumenta in funzione della quota e del sistema di allevamento (le uve coltivate ad alberello ed a spalliera e molto meno “se allevato a tendone”). Il consumatore per beneficiare del resveratrolo contenuto nell’uva nera, deve mangiarla con tuta la buccia; è infatti proprio nella buccia che si concentra la max quantità di polifenoli, terpeni, resveratrolo e sali minerali alcalini.

Per Info sui formulati più ricchi di antiossidanti e polisaccaridi che rinforzano le difese immunitarie, scrivetemi su –> CONTATTI

Fonte Bibliografica

  • Carbonell-Bejerano, P., Diago, M., Martínez-Abaigar, J. et al. Solar ultraviolet radiation is necessary to enhance grapevine fruit ripening transcriptional and phenolic responses. BMC Plant Biol 14, 183 (2014). https://doi.org/10.1186/1471-2229-14-183

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.