La Pressione del sangue, ipertensione e dieta

Per chi vuole seguirmi, può iscriversi al gruppo ALIMENTAZIONE E SALUTE cliccando sul seguente link https://www.facebook.com/groups/liborioquinto/?fref=ts

Nel Breve video, potete ascoltare alcuni benefici della camminata, in cui viene inclusa anche la riduzione della pressione sanguigna 

La pressione del sangue è la forza esercitata dal sangue sulle pareti vascolari, proprio come fa l’acqua all’interno delle tubature dell’acquedotto;

La Pressione del sangue è generata da:

  1. Dalla forza di contrazione del cuore
  2. Dalla quantità di sangue espulsa dal ventricolo sinistro ad ogni contrazione, detta GITTATA CARDIACA.
  3. dal tono dei muscoli lisci delle pareti vascolari
  4. Dai sali, glucosio e proteine del siero sciolti nel plasma (detta pressione osmotica)
  5. Dal numero, calibro e lunghezza dei vasi sanguigni che percorrono i tessuti dell’organismo

La pressione del sangue di suddivide in Pressione Sistolica (o Max) e pressione diastolica (o minima).

La pressione arteriosa varia con l’età:

  • Risulta bassa nei bambini
  • Tende ad aumentare con l’età adulta

Secondo l’organizzazione mondiale della sanità “OMS”, la pressione Max sistolica a 50 anni deve essere compresa tra i 90 -110 mmHg; Valori compresi tra 130 mmHg e 140 mmHg a riposo, è da cosiderarsi una situazione borderline, ossia quasi di Ipertensione; mentre valori sopra i 140 mmHg è da considerarsi IPERTENSIONE.

La pressione del sangue se troppo alta, può diventare un killer silenzioso che aumenta il rischio di cardiopatie nel lungo periodo e prende il nome di Ipertensione arteriosa.

Classificazione della Pressione arteriosa sistolica secondo l’OMS:

  1. Normale ottimale < 120 mmHg
  2. Normale < 130 mmHg
  3. Normale alta 130 – 139 mmHg
  4. Ipertensione Lieve 140 – 159mmHg
  5. Ipertensione Media 160 – 179 mmHg
  6. Ipertensione grave > 180 mmHg

La Pressione alta, provoca la dilatazione dei vasi sanguigni e la perdita di elasticità nel tempo, accrescendo i rischi cardiovascolari.

La causa dell’ipertensione può essere genetica per il 5% dei casi, oppure di natura idiopatica (sconosciuta) per il 95% dei casi.

La pressione alta, genera spesso alcuni di questi sintomi:

  1. Mal di testa a livello della nuca
  2. annebbiamento della vista
  3. vertigini
  4. Ronzii alle orecchie (acufeni)
  5. Palpitazioni
  6. Emorragie frequenti dal naso (epistasi)

Qual’è la causa dell’Ipertensione idiopatica che colpisce il 95% delle persone?

Le cause sono varie, ed i loro effetti si sommano tra loro:

  1. Sovrappeso a livello addominale
  2. Ansia e nervosismo
  3. Eccesso di sale
  4. Eccesso di zucchero e grassi saturi ed idrogenati nella dieta
  5. Liquirizia
  6. Fumo di sigaretta e caffè
  7. Sedentarietà
  8. Abuso di Oli di semi di girasole, mais, soia, questi tutti ricchi di acido arachidonico precursore del TROMBOXANO A2 che è un potentissimo vasocostrittore.
  9. Carenza di sonno
  10. Iperglicemia e diabete
  11. Carenza nella dieta di Magnesio, potassio ed altri oligominerali
  12. Carenza nella dieta di Vitamine del gruppo B coinvolte nel ciclo della metionina
  13. carenza di frutta e verdura

A proposito di magnesio…quì potete vedere una video – lezione sul Magnesio

Cosa fare in caso di Ipertensione?

La prima cosa che bisogna fare è rivolgersi al proprio medico, il quale valutando la gravità e l’origine della patologia, vi prescriverà alcuni farmaci (antagonisti dei beta-recettori adrenergici, oppure gli ACE INIBITORI, oppure sartanici che sono gli antagonisti dei recettori dell’angiotensina-2).

Il medico poi vi dirà di Cambiare radicalmente stile di vita e migliorare l’alimentazione.

Il ruolo dell’educatore alimentare “in collaborazione con il medico” è quello di suggerire al consumatore “Iperteso”, uno stile di vita ed alimentare tali da riequilibrare la pressione arteriosa .

I fattori che possono attenuare l’ipertensione, sono:

  1. Riduzione dei cibi troppo carichi di sale, ed in particolare limitare il consumo di prodotti in scatola, salumi, formaggi, prodotti da forno; (ricordatevi che il sale è un forte ipertensivo)
  2. ELIMINARE DALLA DIETA LA LIQUIRIZIA; L’acido glicirizico è un inibitore della 11-beta-HSD2 presente sul rene, favorendo l’attivazione del recettore dei mineralcorticoidi liberando ALDOSTERONE che è un altro ormone ipertensivo
  3. Ridurre il consumo di Omega-6 come gli oli di mais, girasole e soia, perché aumentano i livelli di TROMBOXANO-A2, che è un potente vasocostrittore.
  4. Ridurre i cibi ad alto indice e carico glicemico (bevande dolci gassate, liquori, dolciumi, prodotti da forno industriali).
  5. Ridurre lo stress e l’ansia sia con l’attività aerobica (lunghe passeggiate a piedi di almeno 1 ora al giorno), e sia impegnandosi ad attività ricreative e hobby divertenti
  6. Possono ridurre la pressione arteriosa, anche alcune tecniche dei Naturopati atti ad attivare il sistema nervoso parasimpatico, quali: 1) la respirazione diaframmatica; 2) La digitopressione (pressione con le dita) su alcuni punti specifici dell’orecchio, i massaggi.
  7. Sforzarsi di fare le giuste ore di sonno
  8. Fare attenzione ai forti abbassamenti di temperatura; ai primi freddi, il corpo reagisce producendo catecolamine che fanno impennare la pressione arteriosa; Il caldo invece abbassa la pressione.

Inoltre ci sono numerose erbe ed alimenti vegetali che contribuiscono ad alleviare l’ipertensione; questi sono:

  1. Aglio e cipolla
  2. Biancospino
  3. estratti di ulivo
  4. grassi Omega-3
  5. estratti di mandorlo
  6. olio essenziale di mandarino da mettere sui polsi
  7. Magnesio ed altri oligominerali
  8. Vitamina B6 ed altre vitamine del gruppo B
  9. Bioflavonoidi (rutina, naringina, luteolina, picnogenolo, resveratrolo).
  10. Erbe diuretiche come Verga d’oro, Tarassacco, Te di Giava, etc.

Post scritto dal

Tecnologo Alimentare Dottor Liborio Quinto

esperto in sicurezza degli alimenti e sana alimentazione

Fonti Bibliografiche consultate:

  • Basi di Medicina Per gli sportivi, di Luca Speciani, Edizioni Correre; Capitolo 3, Paragrafo “Sport e Patologie Cardiovascolari” pagine da 91 a 100.
  • Come raggiungere la Zona di Barry Sears, capitolo 13 – Paragrafo “IPERTENSIONE” pagine 133 – 135

Nota Legale 

Le Informazioni contenute in questo Blog non intendono sostituirsi al parere professionale del medico. L’utilizzo di qualsiasi informazione qui riportata è a descrizione del lettore. L’autore e l’amministratore del Blog si sottraggono a qualsiasi responsabilità diretta o indiretta derivante dall’uso o dall’applicazione da qualsivoglia indicazione riportata nel Blog Alimentazione e Nutraceutica. Per ogni problema specifico si raccomanda di consultare uno specialista

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.