La Vitamina K a cosa serve?

La Vitamina K a cosa serve?
Figura 1 – Alcune funzioni della Vitamina K

La Vitamina K a cosa serve?

Per Info su un integratore a base di vitamina K2 e D3 –> CONTATTI

La vitamina K possiede numerose funzioni:

  1. Serve ad attivare la coagulazione del sangue (azione antiemorragica)
  2. Collabora con la vitamina D3 a mineralizzare le ossa
  3. Previene la formazione di depositi di calcio indesiderati nei vasi sanguigni
  4. Previene la formazione di depositi di calcio indesiderati sulle cartilagini
  5. Previene la formazione di depositi di calcio indesiderati nei muscoli e tessuti molli
  6. Regola il ciclo cellulare attraverso la proteina GAS6
  7. modula il sistema immunitario attraverso l’interazione della proteina GAS6 con il recettore TAM dei Natural killer
  8. Funge da sostanza antiossidante
  9. La vitamina k2 possiede proprietà antitumorali in quanto ligando del recettore SXR

Esistono tre forme di vitamina K:

  1. La Vitamina K1 chiamata Fillochinone, presente nei cloroplasti dei vegetali; quindi gli ortaggi e le verdure di colore verde sono anche quelle più ricche di fillochinone (vitamina K1; La vitamina K1 è liposolubile e per assimilarla dalle verdure è bene condirle con l’olio.
  2. La Vitamina K2 chiamata Menachinone, prodotta dai batteri intestinali e dai batteri della fermentazione; quindi gli alimenti fermentati come formaggio, Yogurt, kefir, Natto, etc, contengono significative quantità di Menachinone. Recentemente è stato scoperto che l’organismo è in grado di convertire piccole quantità di vitamina K1 e la K3 in vitamina K2 attraverso l’enzima UBIAD1 (EC2.5.1.?), in passato chiamato TERE1 (Proteina di risposta alla transizione epiteliale). Anche la vitamina K2 è liposolubile, e la principale sorgente è la flora batterica intestinale.
  3. La Vitamina K3 chiamata anche Menadione, è la forma idrosolubile della vitamina K, ed è una vitamina sintetica che l’industria inserisce nei mangimi animali. L’animale ingerendo la vitamina K3, lo trasforma in vitamina K2 (Menachinone-4), attraverso l’enzima UBIAD1.

Una ricerca recente (PMC3829156), ha scoperto che i topi (e quindi anche l’uomo), sono capaci di convertire una piccola quantità di vitamina K1 (fillochinone) in vitamina K2 (menachinone), attraverso l’enzima UBIAD1.

L’enzima UBIAD1 è capace di staccare la coda idrofobica della vitamina K1, trasformandola in Vitamina K3 (Menadione), priva di coda, per poi inserirci un gruppo geranilgeranil-pirofosfato per formare la vitamina K2.

Quindi l’enzima UBIAD1 trasforma la vitamina K1 in K3 in modo molto lento, e trasforma velocemente la K3 in K2.

Pertanto quando mangiamo le verdure ricche di K1, una parte di questa verrà convertita in K2 dall’enzima UBIAD1 [vedi figura 2].

Le vitamine K1 e K2, pur se diverse, riescono a far funzionare l’enzima gamma-glutamil-carbossilasi “GGCX”. Questo enzima può usare indistintamente la K1 o la K2 per attivare le proteine della coagulazione, l’osteocalcina coinvolta nella mineralizzazione ossea, la MGP coinvolta nella prevenzione delle calcificazioni indesiderate e la proteina GAS6 coinvolta nella regolazione del ciclo cellulare e dell’immunità.

Quando GGPX attiva le proteine, la vitamina K1 e/o K2 vengono ossidate (Vitamina K 2,3 epossido). La forma ossidata della vitamina K, viene riciclata grazie all’enzima VKOR (vitamina K Ossido reduttasi); In quetso modo la cellula riesce a riciclare la vitamina K.

Negli esseri umani esistono due forme di VKOR:

  1. La VKOR cerebrale indicata con la sigla VKORC1L1 (EC1.17.4.5), noto anche con il nome di VKOR insensibile al Warfarin
  2. La VKOR presente in tutti gli altri organi, chiamata VKORC1 (EC1.17.4.5) è soprannominata VKOR sensibile al Warfarin.

Il Warfarin è un farmaco anticoagulante ed agisce inibendo l’enzima che ricicla la vitamina K ossidata. L’assunzione di Warfarin impedisce a VKORC1 di rigenerare la K1 e K2 ossidata; ne consegue che l’organismo si impoverisce di vitamina K e l’enzima GGCX “senza vitamina K non può attivare le proteine della coagulazione, l’osteocalcina e la MGP.

La vitamina K2 ha funzioni aggiuntive: La letteratura scientifica suggerisce che la vitamina K2 possiede proprietà antitumorali sia in vitro che in vivo. I motivi non si conoscono, però pare dipenda dal fatto che la vitamina K2 si leghi al recettore dei xenobiotici SXR, interrompendo il ciclo cellulare.

Fonte Bibliografica (La Vitamina K a cosa serve?)

La Vitamina K a cosa serve?

NB! Presenza di qualche Link di affiliazione IconA su cui si percepiscono piccoli compensi senza varia zione di prezzo

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Verified by MonsterInsights