L’Acido Urico si Forma dalle Cellule Morte

L’Acido Urico si Forma dalle Cellule Morte

Volete info su qualche prodotto naturale che vi aiuta a migliorare il Benessere? Se si, scrivetemi su CONTATTI.

La presenza di Acido urico nel sangue, è un segnale di danno cellulare.

Quando un certo numero di cellule vengono danneggiate e muoiono, rilasciano nel sangue una grande quantità di DNA (precursore dell’acido urico).

Il DNA liberato dalle cellule morte, viene trasformato in acido Urico, che può provocare artrosi e la gotta.

Il Medico, difronte alle analisi di un paziente con alti livelli di acido urico, valuta la presenza di eventuali danni ad organi (fegato), muscoli, etc.

Anche la carne rossa, i visceri degli animali, il vino, la birra e gli insaccati, sono alimenti ricchi di DNA; questi cibi ricchi di DNA, possono contribuire ad aumentare i livelli di acido urico.

Vino e birra sono ricchi di DNA (acidi nucleici), perché ottenuti dalla fermentazione alcolica dei lieviti. I lieviti al termine della fermentazione, muoiono e rilasciano il loro contenuto di DNA, RNA, ATP, GTP, etc, precursori dell’acido urico. (Per Maggiori info, scrivetemi su CONTATTI)

L’alcool ed il Fumo, non contengono acido urico e ne DNA, però possono contribuire ad aumentare i livelli di acido urico nel corpo. Fumo e Alcool infatti irritano e danneggiano le cellule dei bronchi, del fegato, dell’intestino, che liberano DNA, che si trasformerà in acido urico. (Per Maggiori info, scrivetemi su CONTATTI)

Le patatine fritte “non contengono quantità particolari di DNA”, eppure possono favorire l’accumulo di acido urico, perché è un cibo dannoso al fegato e all’intestino: L’olio fritto, affatica il fegato, e molte cellule muoiono, rilasciando nel sangue DNA precursore dell’acido urico.

Lo zucchero raffinato, non contiene acido urico, però affatica il fegato, il quale infiammandosi, libera nel sangue, le transaminasi e il DNA delle cellule epatiche morte; ciò predispone ad accumulo di acido urico.

Anche l’attività fisica eccessiva, può incrementare i livelli di acido urico. Se ci alleniamo troppo, tutti i giorni, ed abbiamo costantemente i muscoli dolenti, è probabile che molte fibre muscolari sono rotte e liberano nel snague DNA precursore dell’acido urico. (Per Maggiori info, scrivetemi su CONTATTI).

La carenza di alcune vitamine e oligominerali possono favorire l’incremento dell’acido urico. Per esempio, una carenza di vitamina C, indebolisce il collagene che tene unite le cellule; le cellule tendono a lesionarsi con più facilità, liberando nel sangue DNA precursore di acido urico.

Per prevenire l’accumulo di acido urico nell’organismo, è importante:

  1. Mangiare sano, abbondando con frutta e sopratutto verdure
  2. scegliere cereali integrali e legumi, come fonte di carboidrati
  3. evitare i cibi che irritano il fegato e gli organi, come: i cibi affumicati, gli insaccati, gli alcolici, le fritture, gli arrosti ed i cibi industriali
  4. Limitare il consumo di cibi troppo ricchi di zuccheri e sciroppo di fruttosio. Lo zucchero bianco e il fruttosio, se in eccesso, possono danneggiare il fegato, provocando la lisi di molti epatociti che riverseranno nel sangue il loro DNA
  5. Riposare
  6. Evitare la sedentarietà
  7. Evitare il sovrallenamento muscolare
  8. Prevenire le carenze vitaminiche e minerali, per rinforzare le cellule dallo stress ossidativo e dai traumi meccanici.
  9. Impiegare alimenti e integratori ricchi di polifenoli: molti polifenoli di frutta e verdura, sono inibitori naturali della Xantino Ossidasi, l’enzima resposnabile della trasformazione delle Purine contenute nel DNA in acido urico. Tra i polifenoli in grado di inibire la zantino ossidasi, cito la curcumina, il resveratrolo della buccia nera dell’uva, la luteolina, etc.

(Per Maggiori info, scrivetemi su CONTATTI)

Tecnologo Alimentare Dottor Liborio Quinto

Collaboratore della DNA Solutions ed esperto in Educazione Alimentare

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.