Le Vitamine nel Terreno

Le Vitamine nel Terreno

Le Vitamine nel terreno, stimolano le piante a crescere?

Per Info sui Terricci COMPO di qualità, vedi → SCHEDA TECNICA

Le piante non hanno bisogno di trovare le vitamine nel terreno, però se sono presenti, crescono meglio e sono più sane, forti e resistenti alle malattie.

Se le vitamine non sono presenti nel terreno, la pianta deve spendere molta energia per sintetizzarle. Se invece nel terreno sono presenti le vitamine, queste vengono assorbite, stimolando lo sviluppo della piante, la resistenza alle malattie e la produzione.

Un Terreno fertile contiene sostanza organica, minerali, microorganismi e vitamine.

Le vitamine si trovano nel terreno ricco di sostanza organica (humus), perché vengono prodotte dai microorganismi del suolo.

Un Terreno fertile, è ricco di particelle inorganiche (sabbia, argilla, limo, ghiaia), mescolati con acqua (umidità), sostanza organica in decomposizione, e microorganismi. I Microorganismi degradando la sostanza organica, producono nel terreno vitamine e amminoacidi, che possono essere assorbiti dalle radici, migliorando la salute delle piante.

Tra radici e terreno si sviluppano i microorganismi; I microorganismi che sviluppano a contatto con le radici, variano da pianta a pianta.

Tra radice e microorganismi del terreno, si viene a creare una simbiosi: Le radici essudano nel terreno, sostanze zuccherine ed altre sostanze organiche, che nutrono i batteri del terreno; I batteri nutrendosi degli essudati rilasciati dalle radici delle piante, producono vitamine, amminoacidi e fattori di crescita, che stimolano la vitalità della pianta.

Un terreno ricco di Humus e/o sostanza organica, aiuta a stimolare la crescita delle piante, perché ricco di vitamine e fattori di crescita prodotti dai microorganismi del terreno. Questo tipo di terreno, è definito fertile.

Un terreno povero di sostanza organica, è poco produttivo; la pianta è in grado di crescere e produrre, ma è più vulnerabile alle malattie e la resa produttiva e bassa. Un terreno povero di sostanza organica è anche povero di vitamine, perché i microorganismi del terreno stentano a crescere. La pianta costretta a nascere in un terreno “sterile”, ossia povero di microorganismi, deve impegnare gran parte del suo metabolismo a produrre le vitamine e gli amminoacidi; questo comporta un affaticamento metabolico della pianta, che lo rende meno produttiva e resistente.

Per ottenere un terreno fertile, è importante la sostanza organica, che può provenire dallo strato erboso e dalle foglie che cadono e si decompongono, e dalle feci degli animali.

Un terreno naturale è ricco di sostanza organica, ed il terreno brulica di vita, con muschi, licheni, lombrichi, insetti, batteri e funghi. Tutti questi trasformano la sostanza organica in Humus, ricchi di fattori di crescita e vitamine che sostengono lo sviluppo della pianta.

Le piante coltivate con agricoltura biologica, al pari delle piante forestali, vivono in salute, e difficilmente vengono colpite dai parassiti e malattie fungine. Questo è merito dei batteri del suolo che elaborano la sostanza organica formano humus ricco di vitamine.

Le Industrie di Terricci per giardinaggio, per stimolare la crescita delle piante, aggiungono minerali e sostanza organica ricca di humus (chiamato COMPOST), ricchi di fattori di crescita che aiutano i batteri del terreno a le piante a sviluppare. Nei terricci che si vendono nei negozi di giardinaggio, anche se non dichiarato, sono presenti tracce di vitamine che aiutano le piante a crescere.

Tra i migliori terricci per agricoltura biologica, abbiamo quelli dell’azienda COMPO BIO.

Per la realizzazione dei terricci COMPO BIO, l’azienda usa la Torba (materiale organico fibroso estratto dalle torbiere), Ammendante vegetale ottenuto dal compostaggio (humificazione) dei residui vegetali triturati, concimi (a lento assorbimento), ed attivatori di crescita delle radici tipo AGROSIL ( a base di colloidi di silicio e fosfati). Possono essere presenti anche il guano e/o lo stallatico.

I Terricci COMPO BIO, messi nel giardino a contatto con le piante, o nei vasi, stimola lo sviluppo di una equilibrata flora batterica che instaura un rapporto di simbiosi con le radici, migliorando la vigoria e produzione della pianta.

Fonte Bibliografica

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.