Melograno Previene i Tumori

Siete interessati ai prodotti antinvecchiamento? Se si, scrivetemi su –> CONTATTI

Il melograno è stato per decenni, un frutto di poco valore commerciale; qualche alberello, si trovava nei giardini, a scopo ornamentale.

Le recenti ricerche sulle proprietà antitumorali e antinfiammatorie del melograno, hanno conquistato l’attenzione dei consumatori, e da pochi anni, sono sorti grandi coltivazioni estensive.

Il Melograno fa bene, perché è ricco di polifenoli, vitamine e minerali alcalini. Il Polifenolo più importante è l’acido ellagico.

L’acido ellagico del melograno ha attratto l’attenzione dell’industria farmaceutica, in quanto dotata di proprietà antitumorali, antinfiammatorie, cardiovascolari ed antiossidanti.

Il melograno è il frutto più ricco di acido ellagico; altri frutti che contengono discrete quantità di acido ellagico, sono: fragole, lamponi, more, mirtilli, noci, uva nera, ed il Fungo “Fistulina Epatica”.

La Fistulina epatica è un fungo che cresce come parassita sui tronchi di querce, ricchi di polifenoli, di cui il 50% è costituito da acido ellagico.

L’acido ellagico ingerito con i melograni ed altri frutti, viene in parte assorbita nel sangue, ed in parte va a finire nell’intesino Crasso, dove viene fermentato dal microbioma in UrolitinaA.

L’Urolitina-A è un derivato dell’acido ellagico liposolubile, che viene assorbito dalle pareti dell’intestino crasso, per entrare in circolo.

I livelli di acido ellagico aumentano nel sangue a distanza di 1-5 ore, dopo l’assunzione di melograni.

Sia l’acido ellagico, che l’urolitina-A fungono da antiossidanti e preventivi di molti tipi di tumore.

Le ricerche suggeriscono che l’acido ellagico può contribuire a prevenire i tumori alla prostata, al seno, all’intestino, al pancreas, etc.

Siete interessati ai prodotti antinvecchiamento? Se si, scrivetemi su –> CONTATTI

I meccanismi con cui l’acido ellagico inibisce l’infiammazione e la proliferazione tumorale, sono i seguenti:

  1. inibisce il recettore dell’infiammazione NF-KB e AP-1
  2. inibisce o riduce l’espressione genica dei recettori EGFR e FGFR2
  3. Migliora la differenziazione delle cellule epiteliali, attraverso un aumento superficiale delle E-Cederine, che consentono l’aggregazione tra cellule sane epiteliali, prevenendo le metastasi.
  4. Riduce l’espressione della Vimentin, una proteina che favorisce la migrazione
  5. Riduce le proteine Anti-apoptotiche BLC-2, ed aumenta quelle apoptotiche, come BAD e BAX, favorendo la fuoriuscita dai mitocondri del citocromo-C responsabile dell’Apoptosi delle cellule maligne.
  6. Migliora il metabolismo e la salute dei vasi sanguigni, come tutti gli altri polifenoli
  7. Può contribuire a migliorare la salute della prostata, mantenendo nella norma il PSA

Recentemente sul mercato, sono comparsi numerosi integratori alimentari a base di acido ellagico concentrato estratti dal melograno; i prodotti saranno buoni, ma ciò che fornisce il frutto fresco con tutti i semini triturati sotto i denti e poi sputati, è di gran lunga superiore.

L’invito è di orientarsi verso il consumo del prodotto fresco. Il succo di Melograno fresco è buono, ma mangiare il melograno, triturando sotto i denti i semini, per poi succhiarli e sputarli, è di gran lunga superiore.

Siete interessati ai prodotti antinvecchiamento? Se si, scrivetemi su –> CONTATTI

Fonte bibliografica (Melograno)

  1. Experimental Evidence of the Antitumor, Antimetastatic and Antiangiogenic Activity of Ellagic Acid – di Claudia ceci, et al 2018 https://www.mdpi.com/2072-6643/10/11/1756/htm
  2. Ellagic acid inhibits the proliferation of human pancreatic carcinoma PANC-1 cells in vitro and in vivo – Hao Cheng, et al 2017 Feb 14 “Oncotarget” https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5355345

Frase chiave: Melograno

Parola chiave: melograno

DESCLAIMER: Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.