Olio di cocco aiuta a dimagrire?

Olio di cocco aiuta a dimagrire?

Olio di cocco aiuta a dimagrire?

Introduzione: Il Grasso della noce di cocco è ricco di acidi grassi corti (SCFA)e di media lunghezza (MCFA), facilmente bruciati dai mitocondri, generando tanta energia e corpi chetonici, contribuendo alla perdita peso, ed alla protezione dei neuroni. Inoltre l’olio di cocco è ricco di acido caprilico, un precursore dell’acido alfa-lipoico, indispensabile per la respirazione cellulare.

Per tali caratteristiche, gli MCFA e SCFA dell’olio della noce di cocco, vengono sempre più utilizzati nelle formulazioni dei pasti sostitutivi per la Perdita Peso.

Per Info sui MCFA/LCFA per la perdita peso, scrivetemi su CONTATTI

I grassi saturi non son sono tutti uguali: Ci sono quelli che affaticano il metabolismo, promuovendo obesità, infiammazione, arteriosclerosi e diabete, e quelli che invece favoriscono la perdita peso ed il miglioramento della salute.

I grassi saturi che aiutano a perdere peso ed ad attivare il metabolismo, sono quelli contenuti nella noce di cocco e nell’olio di cocco.

Questi grassi hanno la caratteristica di essere ricchi in SCFA e MCFA, che quando ingeriti, vengono rapidamente bruciati nei mitocondri delle cellule del fegato, fornendo energia e corpi chetonici all’organismo.

I grassi saturi animali (Burro, strutto, sego, grasso dei salumi e del latte) e dell’olio di palma, invece fanno male, perché ricchi di acidi grassi LCFA. Gli acidi grassi saturi LCFA vengono bruciati con fatica dai mitocondri delle cellule, e quindi se introdotti con la dieta in quantità notevoli, possono soffocare i mitocondri, e favorire infiammazione, diabete e arteriosclerosi.

La regola della combustione dei grassi, dice che man mano che la lunghezza degli acidi grassi saturi aumenta, diminuisce la velocità di combustione dei mitocondri.

In poche parole, più sono più sono corti e leggeri gli acidi grassi, è più velocemente vengono bruciati.

I grassi della noce di cocco e del suo olio, sono leggeri e corti, e vengono rapidamente assorbiti e bruciati nei mitocondri del fegato, sviluppando tanta energia vitale che aiuta a sopportare meglio la fatica quotidiana ed a tenerci svegli.

Poiché sono a rapida combustione, i grassi del cocco, innalzano il metabolismo (termogenesi), aumentando la perdita di grasso superfluo. L’innalzamento del metabolismo indotto dal consumo di modiche quantità di olio di cocco, dura per diverse ore, ed è un buon nutriente per favorire la perdita peso, il controllo della fame e l’innalzamento del metabolismo.

Molti produttori di Pasti sostitutivi per il dimagrimento, aggiungono modeste quantità di acidi grassi SCFA e MCFA estratti dall’olio di cocco, uno di questi pasti sostitutivi, sono i GET SLIM CREMA DELLA DNA SOLUTIONS, al gusto di verdure, funghi e pollo. Per Info sui MCFA/LCFA per la perdita peso, scrivetemi su CONTATTI

Gli acidi grassi saturi SCFA (a corta catena carboniosa), vengono prodotti anche dai batteri intestinali dell’intestino crasso. Una dieta ricca di fibre vegetali solubili (inulina, FOS), stimolano la crescita dei Bifidobatteri, i quali fermentando la fibra producono SCFA che influiscono sulla salute e metabolismo, contribuendo ad abbassare l’infiammazione e aiutare a controllare il peso corporeo.

Gli SCFA e MCFA dell’olio di cocco, contribuiscono anche a formare l’acido alfa lipoico, una importante vitamina dei mitocondri, che stimola la respirazione cellulare. Per la biosintesi endogena dell’acido alfa lipoico, occorre l’acido Caprilico, un SCFA dell’olio di cocco.

Poiché i grassi della noce di cocco, sviluppano nel fegato corpi chetonici, contribuiscono a proteggere il cervello dalla neuroinfiammazione, senza patire la fame. Molte ricerche suggeriscono che i corpi chetonici proteggono i neuroni, ed i grassi della noce di cocco, assunti in modeste quantità, possono contribuire in questo.

Gli SCFA fungono anche di attivatori di segnali antinfiammatori; per esempio alcuni acidi grassi del cocco si legano allo stesso recettore della Niacina, contribuendo a modulare lo stato antinfiammatorio dell’organismo.

Per Info sui MCFA/LCFA per la perdita peso, scrivetemi su CONTATTI

In conclusione

Gli acidi grassi saturi non sono tutti uguali; La loro dannosità alla salute dipende dalla % di acidi grassi saturi a lunga catena LCFA; Più ne contengono e più soffocano i mitocondri. L’olio di cocco è un grasso povero di LCFA e ricco di MCFA e SCFA, con funzioni benefiche all’organismo, favorendo la perdita peso, innalzamento del metabolismo e neuroprotezione.

Fonte Bibliografica (Olio di cocco aiuta a dimagrire?)

  • Lauric acid-rich medium-chain triglycerides can substitute for other oils in cooking applications and may have limited pathogenicity – Mark F McCarty and James J DiNicolantonio https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4975867/
  • Proprietà curative della Noce di Cocco – del Dottor Bruce Fife – Macro editore.

Desclaimer: Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.