Olio di Lino e Canapa Buoni Ma Pericolosi

Olio di Lino e Canapa sono Buoni Ma Pericolosi

Per chi Vuole seguirmi, può registrarsi al gruppo facebook Alimentazione & Salute

 

Gli Oli sono grassi che a temperatura ambiente si presentano liquidi e congelano a temperature variabili dai + 3°C ai -6°C per arrivare ai record dei -18°C degli oli di pesce ad alto titolo in EPA e DHA. Gli oli di pesce omega-3 sono definiti grassi antigelo perché sono incongelabili alle basse temperature e impediscono il congelamnto dei pesci dei mari freddi del Nord. Il Salmone per esempio è un pesce ricco di omega-3 ed è grazie a questi acidi grassi se può sopravvivere nelle acque ghiacciate del Circolo polare Artico.

(Per info sugli oli di pesce ad alto titolo in EPA + DHA, potete scrivermi su contatti)

Gli oli estratti a freddo di certi semi come l’olio di lino, l’olio di canapa, l’olio di noce e tantissimi altri sono ricchi di acidi grassi omega-3 e omega-6 e per tale ragione sono consigliati dai medici, nutrizionisti e farmacisti per arricchire la dieta di queste preziose sostanze.

Questi oli però hanno un grave problema, sono delicatissimi e si ossidano facilmente all’aria, ciò provoca l’irrancidimento della materia grassa formando pericolosi radicali liberi e perossidi che avvelenano il corpo.

Un olio rancido si riconosce dall’odore sgradevole di “rancido”. Pertanto quando assumete l’olio di lino o di altri semi, prendete l’abitudine di annusarlo prima di consumarlo. Se avvertite l’odore di rancido e meglio per voi buttarlo, perché fa più danni che bene.

Gli oli di semi, in particolare quello di lino, colza, canapa e noce sono facilmente ossidabili all’aria; Ecco perché in commercio questi oli li trovate in minuscole bottiglie da 250 ml con vetro scuro e molto spesso “non inferiore ai 5 mm” ed in etichetta trovate l’indicazione di consumarlo in fretta una volta aperto e conservare in frigorifero con tappo chiuso.

Gli oli di semi vergini che si ossidano facilmente all’aria sono detti siccativi, perché si ossidano e seccano facilmente all’aria formando pellicole plastiche superficiali. Se lasciate l’olio di semi di lino all’aria, dopo qualche giorno si forma una pellicola solida “direi plastica”, in superficie. In pratica gli acidi grassi polinsaturi esposti a contatto con l’ossigeno dell’aria si ossidano e reagiscono tra loro formando delle velature solide di consistenza plastica e per questo motivo vengono definiti oli siccativi.

Proprio per questo motivo alcuni oli troppo ricchi di omega-3 come l’olio di lino vengono ampiamente utilizzati dall’industria chimica per produrre plastiche, vernici, oli per nutrire i mobili, etc.

Il Miglior Olio nella dieta è sicuramente l’extra vergine di Oliva Italiano e Greco.

Il miglior olio nella dieta è sicuramente l’extra vergine di oliva ed i motivi non sono solo di tipo nutrizionale ma anche di sicurezza alimentare e conservabbilità. La

composizione degli acidi grassi dell’olio di oliva è tale da renderli resistenti all’ossidazione dell’aria e quindi resistono al processo di irrancidimento. L’Olio extra vergine di oliva è più sicuro e facilmente conservabile rispetto all’olio d lino, colza, noci, canapa.

L’olio extra vergine di oliva però non contiene grandi quantità di omega-6 e omega-3. Chi desidera integrare la dieta con olio di lino o di altri oli delicati, converrebbe miscelarli con olio di oliva vergine al fine di stabilizzarli dall’ossidazione.

Gli Oli di oliva vergini miscelati con il 25% di olio di lino ed il 50% di oli di altri semi vergini, sono detti OliGift proposti dalla DietaGift del Medico Nutrizionista dottor Luca Speciani. Per approfondire sui Gift-Oli suggerisco di leggere i seguenti post:

 

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

2 Risposte a “Olio di Lino e Canapa Buoni Ma Pericolosi”

  1. per evitare problemi basta usare gli oli pressati e conservati a freddo… poi per quanto riguarda la qualità sono sicuramente i migliori, anche se molto sensibili a luce e caldo

    1. Grazie Mario…condivido perfettamente quel che scrivi; La Ringrazio infinitamente per aver scritto il commento nel Mio Blog. Cordiali Saluti dal Dottor Liborio Quinto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.