Perché il Reishi è Antidiabetico?

Perché il Reishi è Antidiabetico?

Sei alla ricerca di un buon prodotto per migliorare la glicemia e prevenire l’obesità viscerale? Allora che aspetti! Chiedi Info sul reishi e cromo, scrivendomi su —> CONTATTI.

Il Reishi è il fungo medicinale più famoso al mondo, per le numerose virtù nutrizionali.

Una delle sue proprietà è quella di migliorare la glicemia.

Gli integratori alimentari a base di Reishi, possono essere utili per:

  • Ridurre la glicemia
  • Prevenire e/o migliorare il diabete mellito di tipo 2
  • prevenire la steatosi epatica
  • Migliorare il Trofismo muscolare
  • Prevenire l’Obesità addominale
  • Abbassare i livelli di grasso e colesterolo

Ora, la domanda sorge spontanea:

Perché il Reishi abbassa la glicemia?

La risposta ce lo fornisce una pubblicazione scientifica del dottor Chen-Dong Wang, et al.

In pratica, nel Reishi, è presente una sostanza che abbassa la glicemia. Questa sostanza è un peptide, chiamato “Fudan Yueyang”, ed indicato con la sigla FYGL.

Questa sostanza è in grado di migliorare la glicemia, perché inibisce l’enzima responsabile della resistenza insulinica: La Proteina Tirosina Fosfatasi B1 (chiamata PTP1B noto anche come EC 3.1.3.48).

Il Reishi, inibendo la PTP1B, sblocca la resistenza insulinica, contribuendo a migliorare la glicemia ed il diabete di tipo-2.

Cosa è il PTP1B (EC3.1.3.48)?

Il PTP1B è un enzima responsabile della resistenza insulinica; Quando PTP1B è troppo attivo, viene inibito il recettore dell’insulina, predisponendo all’iperglicemia, obesità addominale, diabete mellito di tipo-2 e fegato grasso.

Il numero EC 3.1.3.48, è il codice identificativo dell’enzima PTP1B; Ogni enzima ha un suo numero identificativo; quindi non spaventatevi di questo codice, perché è un modo alternativo di chiamare gli enzimi.

Quando PTP1B viene prodotto in eccesso nel fegato, inibisce i recettori dell’insulina posti sulle cellule del fegato, provocando resistenza insulinica al fegato.

Quando PTP1B, viene prodotto in eccesso nel tessuto muscolare, inibisce i recettori insulinici dei muscoli, impedendo ai muscoli di assorbire il glucosio in presenza si insulina.

Quando PTP1B, viene prodotto in eccesso nel tessuto adiposo, succede la stessa cosa dei muscoli e del fegato.

Si può dire che, chi è affetto da resistenza insulinica, ha un eccesso di PTP1B nei muscoli, fegato e tessuto adiposo.

Se vogliamo migliorare la sensibilità dei recettori all’insulina, bisogna ostacolare l’azione del PTP1B (EC 3.1.3.48); Per fare questo, ci viene in aiuto il Fudan Yueyang (FYGL), contenuto nei prodotti a base di Reishi.

Se desideri migliorare la glicemia, integrando con un buon Integratore Alimentare a base di Reishi, fate richiesta del Reishi solutions, scrivendomi su —> CONTATTI.

Tecnologo Alimentare Dottor Liborio Quinto

Fonte Bibliografica

  1. Effect of a Novel proteoglycan PTP1B inhibitor from Ganoderma Lucidum on the amelioration of hyperglycaemia and Dyslipidaemia in db/db mice – Chen-Dong Wang, et al. https://www.cambridge.org/core/journals/british-journal-of-nutrition/article/effect-of-a-novel-proteoglycan-ptp1b-inhibitor-from-ganoderma-lucidum-on-the-amelioration-of-hyperglycaemia-and-dyslipidaemia-in-dbdb-mice/7618D1559ABF658C4F3AD30C008AFCAB/core-reader

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.