Se Apri quella Porta, la glicemia migliora e dimagrisci

Caro Lettore, se sei interessato ai prodotti del benessere, del dimagrimento e delle difese immunitarie, potete chiedere la consulenza scrivendo su contatti

Le cellule sono dotate di minuscoli organelli chiamati mitocondri; nei mitocondri avviene la combustione degli zuccheri e dei grassi in presenza di ossigeno per produrre energia e calore.

Sia gli zuccheri che i grassi non possono bruciare da soli; per essere bruciati dentro i mitocondri, devono essere presenti entrambi.

Quindi …

Regola n°1 : per avere dei mitocondri che funzionino bene è necessaria una dieta bilanciata di carboidrati complessi, grassi e proteine. I grassi bruciano alla fiamma dei carboidrati; Se dentro i mitocondri mancano i grassi, o i carboidrati, la combustione dei nutrienti non può avvenire correttamente e i mitocondri non possono funzionare come dovrebbero.

Quindi tutti quei Fanatici dell’alimentazione che escludono i grassi e/o i carboidrati dalla dieta “sbagliano di grosso!” e dovrebbero rispolverare il libro di biochimica.

Regola n°2: Se volete dimagrire correttamente e stabilizzare la glicemia, non dovete digiunare, ma dovete mangiare in modo sano ed equilibrato. Il digiuno prolungato inceppa i mitocondri, perché i grassi liberati dal tessuto adiposo non possono essere bruciati in assenza di carboidrati.

Queste due regole potrebbero sembrare “strane e sballate”; se però capite il perché, tutto vi sembrerà semplice.

Allora adesso spieghiamo il Perché bisogna mangiare bilanciato ed evitare i digiuni prolungati al fine di una buona salute e alla prevenzione del diabete.

Nei mitocondri ce una piccola porta di ingresso che accoglie i metaboliti degli zuccheri “l’acido Piruvico”. Questa Porta è un enzima e si chiama Piruvato deidrogenasi.

Quando questa porta è ben aperta, gli zuccheri possono essere bruciati correttamente con i grassi e la glicemia nel sangue si mantiene stabile. Inoltre si migliora il metabolismo, si favorisce la perdita di grasso e si previene il diabete e forse anche i tumori.

Quando questa Porta si chiude, i metaboliti degli zuccheri non possono entrare nei mitocondri e la glicemia sale e diminuisce la possibilità di bruciare grassi. Quando questa porta è chiusa, i mitocondri smettono di bruciare i nutrienti e generano meno calore ed energia; ciò spiega il perché chi mangia poco o fa diete prive di carboidrati e grassi tende ad accusare debolezza e forte sensazione di freddo.

Inoltre mitocondri poco funzionali favoriscono la comparsa di malattie metaboliche e cancro.

Le cellule tumorali e le fibre muscolari dei diabetici hanno la porta di ingresso degli zuccheri nei mitocondri chiusa; se si riuscisse ad aprirla, diabete e cancro regredirebbero. Sono allo studio diversi farmaci; uno di questi è stato individuato e si chiama DCA (dicloroacetato) ed è in grado di spalancare la porta dei mitocondri agli zuccheri. IL DCA mostra su cavie di laboratorio proprietà ipoglicemizzanti e antitumorali; peccato però che sembra essere tossico.

Ad Aprire e chiudere questa Porta “ che ricordo che si chiamapiruvato deidrogenasi”, sono altri due enzimi che si chiamano PDK e PDP; La PDK chiude la porta dei mitocondri in faccia agli zuccheri, mentre la PDP lo apre.

Se Voi volete stare in salute ed avere mitocondri efficienti, dovete cercare di tenere aperta la Porta di ingresso dei metaboliti degli zuccheri nei mitocondri. Per farlo dovete cercare di inibire la PDK.

Per inibire la PDK e tenere aperta la porta degli zuccheri nei mitocondri, bisogna:

  1. Evitare i digiuni prolungati
  2. Seguire una alimentazione bilanciata
  3. fare attività fisica per ossigenare i tessuti; L’ipossia (carenza di ossigeno) stimola le PDK a chiudere la porta degli zuccheri nei mitocondri.
  4. Ridurre i processi infiammatori; l’infiammazione stimola la produzione di glucocorticoidi (cortisolo) che stimola le PDK a chiudere la porta degli zuccheri nei mitocondri.
  5. Evitare la sepsi “infezioni”; anche le infezioni batteriche e virali bloccano la Porta mitocondriale degli zuccheri.
  6. Assumere molti alimenti vegetali freschi ricchi di fitocomposti e minerali ad azione alcalinizzante e antinfiammatoria.
  7. Integrare la dieta con alcune vitamine non essenziali come l’acido alfa-lipoico, il Coenzima Q10 e la N-acetilcarnitina.

Esistono dei farmaci che aprono la porta di Ingresso degli zuccheri nei Mitocondri?

La Risposta è si! Si chiama acido dicloroacetico o DCA ed è stato utilizzato con successo per curare il cancro e l’iperglicemia in cavie di laboratorio; peccato che è una sostanza un po’ tossica per l’uomo. In certe patologie come l’acidosi metabolica indotta da disfunzioni mitocondriali il DCA viene impiegato anche sull’uomo.

C è qualche vitamina utile a mantenere aperta la porta degli zuccheri (acido piruvico) nel mitocondrio?

La risposta è Si e si chiama acido alfa-lipoico; L’integrazione alimentare con acido alfa lipoico può infatti contribuire ad abbassare la glicemia, migliorando la stato di salute mitocondriale.

È bene precisare che per un buon funzionamento del mitocondrio, non è sufficiente l’acido alfa-lipoico, ma bisogna abbinare anche il CoQ10 cofattore della succinato deidrogenasi e della N-acetil-carnitina.

 

Autore:  Tecnologo limentare Dottor Liborio Quinto

Fonte Bibliografica

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Una risposta a “Se Apri quella Porta, la glicemia migliora e dimagrisci”

  1. quando ce carenza di glucosio..le fibre muscolari sotto lo stimolo del glucagone, del cortisolo e dell’adrenalina chiudono l’ingresso del piruvato nei mitocondri…ed inoltre a livello citoplasmatico viene attivata PTEN (una fosfatasi) che blocca il recettore dell’insulina IRS-1, in modo tale che il poco glucosio del sangue venga indirizzato al cervello che come Ben sai non può fare a meno del glucosio…o se no si va in coma da ipoglicemia

Comments are closed.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.