Il Ruolo del recettore LXR nello Smaltimento del colesterolo

Il Ruolo del recettore LXR nello Smaltimento del colesterolo

Per chi vuole seguirmi può registrarsi al gruppo facebook Alimentazione & salute

Il colesterolo viene fabbricato dal fegato e dal tessuto sottocutaneo principalmente di notte e messo in circolo nel sangue attraverso le LDL e le VLDL.

Una parte del colesterolo proviene dall’alimentazione e viene trasportato dal sangue tramite i chilomicroni.

Il colesterolo prodotto e/o assunto con gli alimenti serve a tante cose, e cioè per:

  • formare le membrane cellulari
  • è uno dei principale costituenti delle membrane cellulari del cervello
  • è il precursore della vitamina D
  • è il precursore del Coenzima Q10 fondamentale per la respirazione mitocondriale
  • è il precursore di tutti gli ormoni steroidei (testosterone, DHEA, cortisolo, pregnolone, estradiolo, estrone, aldosterone, etc.)
  • è il precursore degli acidi biliari

Il colesterolo quindi è di vitale importanza, però il suo eccesso nell’organismo fa male e per stare bene non deve essere ne troppo poco e ne troppo assai.

Il colesterolo in eccesso non può essere bruciato dalle cellule come il grasso per produrre energia. L’unico modo per smaltire il colesterolo è quello di eliminarlo dall’esterno.

L’organismo smaltisce l’eccesso di colesterolo prevalentemente con la Bile espulse con le Feci.

Quindi il colesterolo in eccesso viene smaltito tramite la secrezione biliare che miscelandosi con le feci viene espulso con i bisogni.

 

Il ruolo del recettore LXR nel smaltire il Colesterolo in Eccesso

A regolare la concentrazione di colesterolo nel sangue è un sensore cellulare noto con il nome di LXR (ossia recettore X del fegato).

Il recettore LXR misura la quantità nel sangue di ossisteroli. Gli Ossisteroli sarebbero molecole di colesterolo ossidati che si formano quando nel sangue ce troppo colesterolo.

Alcune molecole di ossisteroli si trovano nella frutta, verdura e oli vegetali, noti con il nome di fitosteroli. I fitosteroli sono noti per contribuire a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue.

Come fanno gli ossisteroli a smaltire il colesterolo in eccesso?

Gli ossisteroli aumentando di concentrazione nel sangue, si legano ai recettori LXR ed attivano i meccanismi di espulsione del colesterolo dall’organismo.

In pratica nel fegato succede questo!

Quando i livelli di colesterolo aumentano ……

  1. si formano gli ossisteroli
  2. gli ossisteroli si legano ai recettori LXR del fegato attivandoli
  3. Gli LXR attivati aumentano i livelli delle lipoproteine HDL e di Cyp7A1
  4. le lipoproteine HDL trasportano l’eccesso di colesterolo nel fegato
  5. Il fegato preleverà il colesterolo trasportato dalle HDL e lo trasformerà in acidi biliari tramite l’enzima cyp7a1.
  6. gli acidi Biliari verranno escreti nel lume intestinale legandosi con le fibre vegetali contenuti nelle feci ed espulsi all’esterno.
  7. Inoltre sempre le LXR, quelle però dislocate nelle cellule intestinali impediranno il riassorbimento del colesterolo nel torrente sanguigno.

Questo in pratica è il modo con cui l’organismo si sbarazza del colesterolo in eccesso e mantiene i livelli di colesterolo nel sangue +/- costanti.

Una dieta ricca di Fitosteroli contenuti in mandorle, frutta secca oleosa, frutta e verdura può contribuire a mantenere nella norma i livelli di colesterolo, questo perché apportano fitosteroli che attivano il recettore X del fegato LXR che è uno dei principali regolatori dell’espulsione del colesterolo.

Tra gli attivatori di LXR, esistono molte sostanze naturali; oltre ai fitosteroli, un ruolo importante ce l’hanno i tocotrienoli. I tocotrienoli sono una forma di vitamina E rara in natura; si trovano solo in pochi cibi, per esempio nell’olio di riso. La maggior parte della vitamina e che trovate negli alimenti si trova sotto forma di tocoferolo.

I tocotrienoli (una forma della vitamina E) attivano i recettori LXR favorendo l’incremento delle HDL e la trasformazione del colesterolo in eccesso in acidi biliari.

Verdure, oli vergini e frutta secca a guscio sono fonte importante di vari isomeri della vitamina E e Fitosteroli e possono dare un contributo allo smaltimento del colesterolo.

L’importanza della vitamina A e degli ormoni tiroidei nella regolazione di LXR

Importante sottolineare l’importanza della vitamina A in tutto questo meccanismo.

La vitamina A serve per far funzionare correttamente il recettore LXR. LXR infatti per attivarsi non ha solo bisogno della presenza degli ossisteroli, ma anche della presenza di vitamina A

la vitamina A infatti attiva il recettore dei retinoidi RXR che legandosi a LXR permette ad esso di entrare nel nucleo ed attivare il segnale.

I livelli di vitamina A sono influenzati dai livelli di ormoni tiroidei; Se non ci sono abbastanza ormoni tiroidei, il beta carotene fatica ad essere idrolizzato in Vitamina A e quindi può creare degli impedimenti a LXR di regolare i livelli di colesterolo tramite la sintesi degli acidi biliari; ecco un motivo per cui gli Ipotiroidei hanno il colesterolo un po’ alto.

Fonte Bibliografica

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.