Tosse e Muchi Sono Influenzati dalla Dieta

Tosse e Muchi Sono Influenzati dalla Dieta

Sei Interessato/a a ricevere informazioni per ridurre i livelli di Leucotrieni responsabili delle reazioni allergiche e infiammatore? Allora fai richiesta della scheda tecnica gratuita degli anti-leucotrieni, scrivendomi su —-> CONTATTI.

Nella popolazione Occidentale, a causa della carenza nella dieta di acidi grassi omega-3 e polifenoli di frutta e verdura, i sintomi delle reazioni allergiche, catarro e raffreddori, tendono ad essere particolarmente intensi.

Quando ti raffreddi, ti viene la tosse ed il raffreddore, gli occhi lacrimano e dal naso sgorga quel fastidioso muco che ti fa consumare tanti fazzolettini di carta.

Se la gola incomincia a a bruciare, ben presto comparirà anche il catarro.

Occhi lacrimanti, starnuti e raffreddore da fieno compaiono anche nelle reazioni allergiche.

Chi è il colpevole di tutto ciò?

Il colpevole della produzione di muchi, asma e tosse sono alcune sostanze prodotte dai globuli bianchi che si chiamano leucotrieni.

I principali leucotrieni responsabili del raffreddore, dell’asma e della tosse, sono i leucotrieni LTB4, LTC4, LTD4 e LTE4.

Più producete leucotrieni, è più i sintomi del dolore, dell’asma, del raffreddore, delle allergie e del catarro, si intensificano.

Durante una reazione asmatica, allergica o di un raffreddore, se riuscite a ridurre la produzione di leucotrieni, i sintomi si attenuano ed i muchi spurgati tendono a diminuire.

Dal punto di vista nutrizionale, cosa si può fare per ridurre la biosintesi di leucotrieni cattivi?

La risposta è che si può fare molto …. !

Di seguito elenco alcune strategie:

  1. Ridurre il consumo di grassi animali e tuorli d’uovo provenienti da allevamenti intensivi, perchè particolarmente ricchi di acido arachidonico che è l’acido grasso precursore di tutti i leucotrieni cattivi (LTB4, LTC4, LTD4 e LTE4).
  2. Ridurre (o meglio abolire) il consumo di olio di Mais, girasole e soia, perché sono particolarmente ricchi di acidi grassi omega-6 che possono trasformarsi nell’organismo in acido arachidonico, precursore dei leucotrieni cattivi.
  3. Incrementare il consumo di Olio di Pesce ricco di Omega-3; Gli omega-3 del pesce diluiscono l’acido arachidonico contenuto nelle membrane cellulari, diminuendo la produzione di leucotrieni cattivi.
  4. Integrare la dieta con la Boswellia, che è un erba ricca di acidi boswellici, noti inibitori della 5-lox, (EC 1.13.11.34), responsabile della trasformazione dell’acido arachidonico in leucotriene LTA4, capostipite di tutti gli altri leucotireni responsabili dell’allergia, asma e raffreddore.
  5. L’acido caffeico contentuno nella propoli (CAPE), la Luteolina contenuta in origano timo, carciofi e ortaggi vari, e la Nobletina e tangerina della buccia dell’arancio amaro, sembrano in grado di inibire l’enzima 5-lox (EC 1.13.11.34), contribuendo a ridurre la produzione di leucotireni.
  6. Il resveratrolo estratto dalla buccia dell’uva nera, inibisce due enzimi chiave della sintesi dei leucotrieni: La Lox-5 (EC 1.13.11.34) e la LTA4 idrolasi (EC3.3.2.6).
  7. Molti polifenoli e bioflavonoidi come l quercetina ed il Kampeferolo diffusi nei prodotti vegetali, contribuiscono ad attenuare le reazioni allergiche per inibizione della Lox-5 e conseguente calo della sintesi di leucotrieni cattivi.
  8. In alcune ricerche condotte su macrofagi di ratto, hanno dimostrato che la capseicina del peperoncino piccante e la curcumina della curcuma Longa, hanno ridotto la sintesi del leucotriene cattivo LTB4 rispettivamente del 46% e 61% e del leucotriene cattivissimo LTC4 rispettivamente del 48% e del 34%.
  9. L’Aspirina ed altri FANS noti inibitori della COX, potrebbero indirettamente incrementare la biosintesi dei leucotrieni, perché questi farmaci diirottano il flusso dell’acido arachidonico verso la 5-Lox; quindi in caso di allergie e reazioni asmatiche, l’uso dell’aspirina andrebbe attentamente valutata dal medico

In conclusione, cosa fare per ridurre questi brutti leucotrieni?

Semplice! Mangiare meglio, facendo attenzione ai grassi che si consumano: olio extra vergine di oliva, pesce grasso, noci e integratori di olio di pesce, aiutano a ridurre la biosintesi di leucotrieni cattivi attraverso la diluizione dell’acido arachidonico.

Al contrario, grassi animali, e oli di mais, girasole e soia, possono predisporre ad un aumento della sintesi dei leucotrieni cattivi.

Infine un alimentazione ricca di polifenoli e bioflavonoidi, contribuisce ad ostacolare gli enzimi responsabili della produzione di leucotrieni; questi enzimi cattivi, sono:

  • 5-lox, (EC 1.13.11.34)
  • LTA4 idrolasi (EC3.3.2.6)
  • LTC4 sintasi (EC4.4.1.20)

Fonte Bibliografica

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.