Uva Nera fonte di Resveratrolo e Minerali Alcalinizzanti

Uva Nera fonte di Resveratrolo e Minerali Alcalinizzanti

Per chi Vuole Seguirmi, può iscriversi al gruppo facebook Alimentazione & Salute

Uva Nera fonte di Resveratrolo e Minerali Alcalinizzanti

L’uva è un frutto interessante perché fornisce minerali alcalinizzanti, vitamine, fibre e fitocomposti ad azione antinfiammatoria.

La parte della bacca più ricca di oligominerali, vitamine e fitocomposti è lo strato di cellule vicino alla buccia; Chi ha l’abitudine di sbucciare l’uva e scartare la buccia sbaglia di grosso!

La buccia dell’uva sia bianca che rossa è ricchissima in minerali (in particolare magnesio e potassio), vitamine, sostanze profumate, salicilati e polifenoli; Man mano che dalla buccia ci si avvicina al centro del chicco, la quantità di nutrienti si riduce, ed aumentano gli acidi organici.

Quindi ripeto! Per avere il massimo beneficio dal consumo dell’uva, bisogna mangiarla con tutta la buccia.

Nella Buccia si concentrano i polifenoli utilissimi alla salute. I polifenoli contenuti nella buccia dell’uva possono essere incolori o gialli, oppure rosso – violaceo. Le bucce delle uve bianche sono ricchissime di polifenoli incolori e gialli (in cui sono incluse le catechine e le proantocianidine); nella buccia delle uve nere invece oltre alla presenza di polifenoli incolori, ci sono i polifenoli colorati.

Mangiare l’uva fa bene, ma quella nera è molto migliore perché contiene il resveratrolo.

Il Resveratrolo è una molecola interessante in medicina, perché è utile per prevenire molte malattie e condizioni metaboliche.

Il resveratrolo gode delle seguenti proprietà farmacologiche:

  1. Antiossidante
  2. Antinfiammatorio
  3. Antiallergico
  4. utile contro le artrosi e le artriti
  5. benefico per il cuore ed i vasi sanguigni
  6. Previene l’ossidazione del colesterolo LDL
  7. Antitumorale
  8. Anti- invcchiamento

Le uve contenenti più resveratrolo sono quelle che in campo sono state irradiate fortemente dalla luce solare, in particolare quelle coltivate nelle regioni del Sud Italia con sistemi di allevamento ad alberello o a spalliera. Più il sole colpisce il frutto, maggiore sarà la sintesi di Resveratrolo nella buccia. In pratica il resveratrolo si forma nelle cellule della buccia per proteggere il frutto dai raggi solari e dalla siccità.

Il consiglio che voglio dare ai consumatori è di orientarvi verso il consumo di uva nera, a patto che sia stata coltivata con sistemi di allevamento ad alberello o spalliera.

Anche il vino rosso è ricco di resveratrolo; Tra i vini che ne contengono di più c è il Vino Primitivo del Tarantino e l’Aglianico prodotto in Basilicata.

 

Nota Legale 

Le Informazioni contenute in questo Blog non intendono sostituirsi al parere professionale del medico. L’utilizzo di qualsiasi informazione qui riportata è a descrizione del lettore. L’autore e l’amministratore del Blog si sottraggono a qualsiasi responsabilità diretta o indiretta derivante dall’uso o dall’applicazione da qualsivoglia indicazione riportata nel Blog Alimentazione e Nutraceutica. Per ogni problema specifico si raccomanda di consultare uno specialista

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.