Il Te Verde Inibisce la Sintesi del PAF

Il Te Verde Inibisce la Sintesi del PAF

Siete interessati a ricevere le schede tecniche dei prodotti naturali antinfiammatori, drenanti e detossificanti? —-> ALLORA SCRIVETEMI SU CONTATTI.

Il te verde è una tisana alimentare che nella letteratura scientifica gode di innumerevoli proprietà farmacologiche;

Il te verde infatti possiede le seguenti proprietà: Antiinfiammatoria, antiallergico, antiasmatico, antitumorale, detossificante, antiossidante, protettivo per le articolazioni, cardioprotettvo, etc.

le proprietà farmacologiche del te verde sono da attribuirsi alle seguenti sostanze fitochimiche:

  1. Epigallocatechina-3-gallato e polifenoli simili
  2. teoflavina ed i suoi galloil – esteri
  3. Geranil – gallato (presente anche nel te nero)
  4. Farnesil – gallato (presente anche nel te nero)
  5. geranil geranil galato (presente anche nel te nero)

le proprietà farmacologiche di queste sostanze dipendono dal fatto che riescono a inibire e/o modulare una vasta gamma di vie biochimiche.

Nel seguente post focalizzeremo l’attenzione sulla capacità del te verde di inibire la produzione di un “pericoloso mediatore dell’infiammazione di nome PAF”.

Il PAF è anche noto con il nome di fattore attivante le piastrine; questa sostanza viene liberata dalle cellule sofferenti in concomitanza con l’acido arachidonico; quindi dove ce dolore, irritazione, infezione, trauma, malattie autoimmuni, allergie, disbiosi intestinale e “intolleranze alimentari”, ce sicuramente anche una elevata presenza di PAF nel sangue.

Il PAF svolge numerosi effetti indesiderati:

  1. causa l’edema e la ritenzione idrica
  2. favorisce la perdita delle proteine con le urina (passaggio delle albumine dal sangue alle urine)
  3. favorisce l’aggregazione piastrinica
  4. stimola la degranulazione delle cellule immunitarie con liberazione dell’istamina
  5. media le risposte allergiche e asmatiche
  6. favorisce l’aggregazione piastrinica
  7. in alcuni tumori, sembra favorirne la crescita (infatti alcuni tipi di tumore producono molto PAF che poi si lega ai numerosi recettori del PAF (il PAFR) sparsi lungo il tessuto tumorale.

Esistono in natura numerose sostanze naturali in grado di inibire con meccanismi diversi la produzione del PAF.

Alcune di queste sono le sostanze fitochimiche del te verde che riescono a inibire la trasformazione della lisofosfatidilcolina in PAF.

Questo enzima cattivo prende il nome di Fosfatidilcolina Acetiltrasferasi indicato con il codice internazionale EC 2.3.1.67. (CHIEDI INFO SUI DRENANTI A BASE DI TE VERDE=—–> scrivi su CONTATTI)

Il Giapponese dottor Sugatani J. Assieme ai suoi colleghi ha scoperto che i polifenoli del te verde inibiscono la fosfatidilcolina acetiltrasferasi del coniglio con le seguenti concentrazioni inibitoire IC50:

  1. Geranil – Gallato, Farnesil – gallato e geranil – geranil gallato IC50 = 6,4 micromoli
  2. Teoflavina e i suoi derivati galloil esteri IC59 = 37 – 77 micromoli
  3. Epigallocatechina-3-o-gallato IC50 = 46 +/- 6 micromoli
  4. Epigallocatechina – 3 gallato IC50 = 72 +/- 13 micromoli

Grazie a queste proprietà inibitorie, l’assunzione del te verde contribuisce a migliorare lo stato infiammatorio e prevenire “anche la ritenzione idrica”. Le sostanze fitochimiche del te verde in questo modo aiutano a contrastare la ritenzione idrica e migliorare l’aspetto fisico.

I polifenoli del te verde infatti trovano applicazione in numerosi integratori che aiutano a dimagrire e drenare. Inoltre i polifenoli del te verde godono di proprietà termogene, specie se unite alla sinefrina del te verde. I polifenoli del te verde infatti inibiscono l’enzima catecolo metiltrasferasi, aumentando la permanenza della noradrenalina che agendo sui recettori beta-adrenegici attiva la lipolilsi e termogenesi.

ATTENZIONE!!!

Chi è però ansioso, dovrebbe evitare l’assunzione del te verde, proprio per il fatto che i suoi polifenoli inibendo la catecolo-metiltrasferasi potenzia il segnale della noradrenalina.

Fonte Bibliografica

  1. Come una pentola a Pressione – del medico Attilio Speciani e gabriele Piuri – tecniche Nuove editore
  2. The poliphenols inhibit acetyl-CoA: Alkyl-sn-glycerol-3-phosphocoline acetyltransferase ( a key enzyme in platelet-activating factor biosynthesis) and platelet-activating factor induced platelet aggregation. – sugatani j., Fukazawa N, Ujihara K, YoshinaryK, Abe I, Noguchi H, Miwa M, – Int Arch Allergy immunol 2004. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15051936
  3. L’alimentazione Anti-Cancro di Richard Béliveau e Denis Gingras -prefazione di umberto veronesi – spearling e Kupfer editore – capitolo 10 – Il te Verde per calmare l’anima…e il cancro.

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.