Zucchero e Ipertensione: il ruolo dell’Acido Succinico nel liberare la Rennina.

Gentile lettore; sei interessato ad essere orientato verso la scelta di un buon integratore alimentare o libro di Nutrizione? Allora scrivimi su contatti e fammi una domanda.

Una dieta troppo ricca di zuccheri, amidi, carne associata a scarsa attività fisica favorisce l’ipertensione arteriosa.

Fin qui nulla di nuovo; tutti sanno che la cattiva alimentazione, lo stress e l’inattività fisica contribuiscono ad elevare la pressione. Il problema però e che pochi sanno “il motivo” per cui tali comportamenti alzano la pressione.

Adesso provo a spiegare come le diete eccessivamente ricche di zucchero aumentano la Rennina, uno dei responsabili dell’ipertensione arteriosa.

Nel 2004 il dottor He, scoprì che somministrando ai topi di laboratorio, acido succinico (un intermedio del ciclo di krebs), aumentava la pressione sanguigna. L’acido succinico quindi provoca ipertensione.

L’acido succinico aumenta nel sangue quando si seguono diete troppo ricche di zuccheri associati a sedentarietà.

Il dottor Vargas nel 2009 ha scoperto il meccanismo.

In pratica una dieta ricca di zuccheri, incrementa nel sangue i livelli di acido succinico.

L’acido succinico normalmente è localizzato all’interno dei mitocondri, ma quando aumenta per colpa di una dieta troppo calorica, trasuda fuori dai mitocondri e dalle cellule, andando a finire nel sangue. L’acido succinico che circola nel sangue funge da ormone.

L’acido succinico si lega al suo recettore cellulare GRP-91, agendo come ormone in vari organi e tessuti.

Nei reni, l’acido succinico legandosi ai recettori GRP-91 stimola il rilascio dell’ormone Rennina; la rennina taglia l’angiotensinogeno in Angiotensina-1 provocando l’ipertensione arteriosa.

Riassumiamo quello che ho detto…..

Uno dei meccanismi che collega la dieta ricca di zuccheri con la pressione alta, è l’aumento di acido succinico nel torrente sanguigno; L’acido succinico che scorre nel sangue, si lega ai recettori GRP-91 delle cellule renali e libera la rennina; la rennina a sua volta traglia l’angiotensinogeno in angiotensina provocando l’innalzamento della pressione.

Quindi per contrastare l’ipertensione è bene migliorare l’alimentazione e fare attività fisica regolare in modo da ridurre i livelli di acido succinico circolante nel sangue e quindi abbassare la secrezione di rennina, uno dei principali mediatori dell’ipertensione arteriosa.

Qualche Notizia in più sull’acido succinico

l’acido succinico viene prodotto continuamente nei mitocondri e fin quanto rimane confinato all’interno di essi va tutto bene.

Quando a causa di infiammazioni ed eccessi alimentari (zuccheri),i livelli di acido succinico aumentano, questo esce fuori dal mitocondrio attraverso il carrier SLC25A10.

L’acido succinico che si accumula nel citoplasma, può uscire fuori dalla cellula tramite un altro carrier chiamato Trasportatore INDY.

L’acido succinico una volta fuori dalla cellula, circola nei vari fluidi corporei e nel sangue agendo da sostanza ormonale; Questo acido si lega al recettore GRP-91 diffusi in molti organi e tessuti, generando una risposta ormonale.

A livello dei reni, l’acido succinico libera la rennina, favorendo l’ipertensione arteriosa.

A livello del cuore, può favorire l’ipertrofia del cuore.

A livello del tessuto adiposo favorisce l’inibizione della lipolisi, predisponendo al sovrappeso.

Favoriscono un innalzamento di acido succinico nel sangue, i seguenti fattori:

  1. Diete troppo ricche di zucchero, amidi raffinati, proteine
  2. scarsa attività fisica e iper-alimentazione
  3. stress
  4. Uso di alimenti ricchi di acido succinico
  5. Disbiosi intestinali; Molti microorganismi cattivi sono in grado di produrre nell’intestino acido succinico che entra nel sangue ed agisce come sostanza ormonale

Oltre a migliorare la dieta e lo stile di vita credo che sia consigliabile limitare il consumo di tutti quei alimenti contenenti acido succinico aggiunto. Leggete attentamente le etichette dei prodotti alimentari perché è l’unico modo per fare delle scelte consapevoli. L’acido succinico come additivo alimentare viene indicato con la sigla E363 che è vietato in Australia.

Scritto e Pubblicato dal

Tecnologo Alimentare Dottor Liborio Quinto

Fonte biblòiografica

Precedente La Cottura dei Cibi Lievitati non Distrugge gli Allergeni ai Lieviti Successivo SLC13A5: Che ci Sta a Fare L'Acido Citrico Nel Sangue?

2 commenti su “Zucchero e Ipertensione: il ruolo dell’Acido Succinico nel liberare la Rennina.

  1. Dottor Liborio Quinto il said:

    gm) lO SAPETE CHE UNA DIETA TROPPO RICCA DI ZUCCHERO FAVORISCE UN AUMENTO DI ACIDO SUCCINICO NEL SANGUE?
    questo acido fuori dalle cellule crea un sacco di problemi, uno dei quali è l’ipertensione; L’acido Succinico aggiunto spesso come adittivo chimico, può favorere l’ipertensione arteriosa; Questo acido viene anche prodotto normalmente all’interno dei mitocondri delle cellule; fin quanto è confinato dentro i mitocondri, non causa nessun problema,…ma quando fuoriesce nrl citoplasma della cellula e fuori dalla cellula, può causare tanti problemi; Uno di questi è lo stimolo dei surreni a rilasciare la RENNINA, un potente enzima IPERTENSIOVO che taglia in due l’angiotensinogeno in Angiotensina promuovendo L’IPERTENSIONE ARTERIOSA.

  2. Dottor Liborio Quinto il said:

    Pressione Alta e prevenzione!
    Tutta colpa dell’Infiammazione e stress che stimolano il fegato ed i reni a liberare Angiotensinogeno e Rennina.
    Moltissimi soffrono di Ipertensione ed i medici giustamente prescrivono farmaci antiipertensivi, come gli ACE-Inibitori, i sartanici e gli antagonisti dei recettori Beta adrenergici…..
    Ma sarebbe anche Opportuno Prevenire l’Ipertensione.
    Come si può prevenire la pressione alta? Semplice! Riducendo la secrezione epatica di Angiotensinogeno e la secrezione renale di Rennina. L’Angiotensinogeno viene prodotta in grandi quantità nel fegato quando siamo Infiammati, stressati, Panciuti; l’angiotensinogeno infatti viene considerato quasi una proteina di fase acuta che aumenta in risposta agli stressor ambientali; Fumo alcol, scottature solari, Obesità viscerale, diabete, stanchezza, rabbia, ansia, zucchero raffinato, disbiosi intetsinali, infezioni e traumi, possono sollecitare il fegato a secernere grandi quantità di Angiotensinogeno che una volta nel sangue, viene trasformato dalla rennina in angiotensina-1 e dall’ACE in angiotensina-2 la quale poi si lega al suorecettore AT1-R generando vasocostrizione e innalzamento della pressione; Ridurre l’ipertensione in modo naturale si può, adottando un corretto stile di vita e nutrizionale, volta a ridurre l’infiammazione silente ….la riduzione della infiammazione a sua volta favorisce il calo dell’Angiotensinogeno ….e la pressione si abassa spontaneamente.

Lascia un commento