Angiotensina-2 Omone Ipertensivo

Angiotensina-2: l’ormone ipertensivo.

definizione e classificazione dei valori della pressione arteriosa secondo l'oms

Lo sai che il Reishi è un fungo che contribuisce a regolare la pressione arteriosa? Se sei interessata/o ad un buon Reishi a compresse, scrivimi su CONTATTI

La pressione alta è un fattore di rischio per il cuore ed il cervello. Una delle principali cause di arteriosclerosi, infarti cardiaci ed ictus cerebrali, è la pressione alta.

I medici suggeriscono ai pazienti di seguire un corretto stile di vita e nutrizionale, al fine di prevenire l’ipertensione.

Chi soffre di ipertensione arteriosa, oltre a cambiare stile di vita e nutrizionale, deve sottoporsi a controlli medici periodici e seguire il trattamento farmaceutico, al fine di prevenire pericolose complicanze.

Fattori di rischio, che favoriscono l’ipertensione, sono:

  1. Le diete ricche di sale da cucina
  2. Il fumo di tabacco e l’alcol
  3. I grassi ossidati (oli vecchi, fritture, grassi saturi, grassi idrogenati)
  4. lo stress cronico, l’ansia, la rabbia e lo scarso riposo
  5. la sedentarietà
  6. I bruschi sforzi fisici
  7. L’iperglicemia ed il diabete
  8. l’Obesità addominale
  9. I bruschi abbassamenti di temperatura: l’organismo reagisce al calo termico con l’innalzamento della pressione
  10. La Liquirizia ed i cibi, bevande e caramelle che la contengono
  11. Il cadmio (un metallo pesante)
  12. L’omocisteina alta
  13. Alcune predisposizioni genetiche (per esempio alcuni polimorfismi dell’enzima ACE e/o del recettore dell’angiotensina AT-1).
  14. L’infiammazione dell’endotelio vascolare
  15. Il colesterolo cattivo LDL

Ma chi è il cattivone che provoca l’impennata della pressione arteriosa?

Il cattivone è un piccolo ormone chiamato Angiotensina-2. L’angiotensina-2, si forma nell’endotelio vascolare, stimolato dai 15 fattori elencati sopra.

L’angiotensina-2 si lega ai recettori AT-1 sparsi lungo l’endotelio vascolare, provocando la vasocostrizione, con conseguente impennata della pressione.

L’angiotensina-2 non causa solo ipertensione, ma a lungo andare, fa tanti altri danni; Le recenti ricerche, suggeriscono che l’angiotensina-2 è un ormone ipertensivo pro-infiammatorio; L’angiotensina-2 provoca i seguenti danni ai vasi sanguigni:

  1. Ipertensione arteriosa
  2. aumento della permeabilità vascolare
  3. aumento del fattore di crescita dei vasi sanguigni VEGF (angiogenesi)
  4. aumento delle molecole di adesione delle cellule endoteliali (P- ed L-Selectina, VCAM-1, ICAM-1, Integrine)
  5. attivazione del recettore infiammatorio NF-KB con conseguente espressione della COX-2, responsabile della produzione di prostaglandine pro-infiammaorie.
  6. Aumento delle chemiochine che attirano i macrofagi all’interno dell’endotelio vascolare, (come l’MCP-1), favorendo la formazione di placche arterisclerotiche.
  7. Attivazione delle cellule dentritiche, che diventano più sensibili alle reazioni infiammatorie
  8. aumento della produzione di radicali liberi, che accelerano il processo di invecchiamanto cardiovascolare e cerebrale.

Alla luce di ciò, è importante tenere nella norma la pressione, e seguire attentamente i consigli del medico curante.

Come prevenzione al benessere cardiovascolare, è indispensabile curare l’alimentazione, facendo molta attenzione all’abuso di sale, zuccheri, amidi raffinati, fumo, sedentarietà, eccesso di omega-6 e carenze di alcune vitamine che controllano l’omocisteina.

Alimenti che possono contribuire a tenere normale la pressione, sono: frutta, verdura, cereali integrali, legumi, olio extravergine di oliva (possibilmente olio giovane) a crudo, aglio, cipolle, pesce azzurro ricco di omega-3, ed alcuni integratori alimentari ricchi di polifenoli e terpeni antinfiammatori, come il curcuma, il tarasacco ed il fungo della longevità: il reishi.

Poi bisogna cercare di rilassarsi, riposare, evitare gli stress fisici, termici e psichici, e la sedentarietà.

L’attività fisica è di grande aiuto, a patto che sia aerobica, senza sforzi, moderata e graduale. Chi ha problemi di salute, è bene che prima di iniziare una qualche forma di attività fisica, si faccia prima visitare dal medico e consigliare sul livello di intensità praticarla.

Fonte Bibliografica

Precedente Cicatrice Gliale del Cervello Successivo Peptidi Antipertensivi del Latte

Lascia un commento