Il Bilancio del PH (Acido – Base)

Sei Interessato ad avere maggiori Informazioni sui minerali e estratti alcalinizzanti? Allora scrivimi su contatti

Il bilancio acido -base nella dieta può orientare l’organismo verso uno stato di benessere o malattia.

Gli alimenti contengono una serie di minerali che sciolti nei fluidi corporei possono dare origine a sostanze alcaline (idrossidi) e acide (acidi) e condizionare la salute ed il pH delle urine misurabili con delle comuni cartine al tornasole acquistabili in farmacia.

Queste cartine se bagnate con un fluido, a seconda del pH cambiano colore. Queste cartine di colore verde possono essere usate per misurare il pH delle urine del mattino. Basta bagnare con un po’ di urina queste cartine ed a seconda del colore che sviluppano ti dice approssimativamente il loro pH.

Se le striscette al tornasole, virano sul giallo-rosso, significa che si è tendenzialmente acidi; se le striscette virano al celestino – blu, significa che si è tendenzialmente alcalini. Se il colore delle striscette rimane Verde, significa che l’organismo si trova in condizioni di neutralità.

Per stare bene, non bisogna essere ne troppo acidi (acidosi) e ne troppo alcalini (alcalosi), ma dobbiamo essere neutri tendenzialmente alcalini.

Questa condizione è possibile ottenerla seguendo un regime dietetico ricco di cibi alcalini accompagnati con piccole quantità di cibi acidificanti, ossia una dieta ricca di frutta, verdura e cibi integrali accompagnati con moderate quantità di carne, pesce e uova e cercando di stare lontani dallo zucchero e dai cibi spazzatura.

Si definiscono cibi alcalinizzanti gli alimenti ricchi di minerali alcalini e poveri di minerali acidi. Quelli acidificanti invece sono l’opposto.

I minerali acidificanti sono i solfati ed i fosfati; I minerali alcalinizzanti sono principalmente il potassio, il magnesio, il calcio ed altri oligominerali.

I solfati e fosfati sono definiti acidificanti perché sciolti nei fluidi corporei formano acido solforico e acido fosforico.

I sali di calcio, magnesio e potassio vengono definiti alcalinizzanti perché sciolti in acqua tendono a formare idrossidi che sono alcalini.

Acidi e basi si neutralizzano a vicenda; Quel che conta in una dieta e che gli alcali (o basi) prevalgono sugli acidi.

I cibi ricchi di minerali alcalini e poveri di minerali acidi sono la frutta e la verdura, i cibi ricchi di minerali acidificanti sono invece i prodotti lattiero caseari, i prodotti di origine animale ed i cibi industriali, in particolare quelli a cui sono stati aggiunti fosfati come le sottilette, i formaggini, le bevande gassate a base di cola ed i salumi con i polifosfati.

Tra le sostanze fortemente acidificanti bisogna includere anche quelli ricchi di amidi raffinati e zucchero perché l’eccessivo apporto di zucchero e amido nella dieta favorisce la formazione dell’anidride carbonica che sciolta in acqua forma acido carbonico che acidifica l’organismo e quindi influisce sul pH delle urine.

Seguire un regime alimentare neutro – alcalinizzante, non è difficile!

Basta seguire i consigli dell’organizzazione mondiale della Sanità che recita la seguente frase “Mangiare almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura”.

Anche se mangiate moderate quantità di cibi acidificanti come carne, pesce, uova o latticini, se nell’arco della giornata li bilanciate con almeno 5 porzioni di frutta e verdura di stagione, la quantità di minerali alcalinizzanti saranno superiori a quelli acidi e il pH delle urine sarà neutro o leggermente alcalino.

Se invece il vostro regime alimentare è prevalentemente a base di carne, latticini, salumi, formaggi, cereali, zuccheri e alimenti confezionati, le urine risulteranno acide ed i vostri fluidi corporei saranno carichi di scorie.

La Dieta dei Nostri Antenati era ricca di cibi alcalini

La dieta dei nostri antenati era alcalinizzante; mangiavano un po di prodotti della caccia (acidificanti) accompagnati con tanti frutti e verdure selvatiche (alcalinizzanti).

La dieta dei nostri antenati primitivi era priva di zuccheri e amidi raffinati, povera di sodio e molto ricca di magnesio, potassio e calcio.

Le urina dell’uomo antico erano alcaline e vivevano più in salute di noi. L’uomo moderno si ammala e muore di malattie croniche infiammatorie, cardiopatie e tumori; l’uomo antico invece moriva di guerre, incidenti nella caccia e nella raccolta e di banali infezioni. A quel tempo si poteva morire di una banale infezione, per esempio una polmonite, in quanto non esistevano gli antibiotici.

Ma il regime dietetico naturale e neutro – alcalino del tempo li rendeva forti, sani e resistenti alle avversità della natura, ciò che l’uomo moderno senza supposte e antibiotici non lo è!

Perché la dieta Alcalinizzante fa bene?

La dieta tendenzialmente alcalinizzante fa bene per tanti motivi elencati qui sotto:

  • Mineralizza ossa e denti prevenendo l’osteoporosi
  • migliora l’ossigenazione del corpo
  • Riduce l’edema e la ritenzione idrica
  • riduce l’infiammazione
  • favorisce la depurazione accelerando l’espulsione delle tossine
  • migliora il metabolismo
  • Rende Tonici e belli esteticamente i muscoli
  • previene i crampi
  • Forse contribuisce a prevenire alcune forme di tumore.
  • Migliora e regola la respirazione

Perché la dieta troppo Acida rende la respirazione Affannosa ?

Una dieta troppo ricca di carne, formaggi e prodotti da forno ricchi di zuccheri e amidi raffinati rendono la respirazione molto affannosa.

Il motivo sta nel fatto che il sangue si satura di acido carbonico ed altri acidi; L’organismo tende a mantenere il pH dei fluidi corporei nella normalità, aumentando il numero di atti respiratori per eliminare con il respiro quanta più anidride carbonica possibile al fine di ridurre l’acido carbonico nel sangue.

Nel contempo l’organismo estrae carbonati di calcio e magnesio dalle ossa per tamponare l’acidità; ciò favorisce una demineralizzazione delle ossa.

Per rendere la respirazione più regolare e silenziosa bisogna seguire un regime dietetico neutro-alcalino. Meno CO2 e acidi si accumulano nel sangue, meno atti respiratori deve compiere l’organismo per smaltire l’acido carbonico e meno bicarbonati di calcio e magnesio deve estrarre dalle ossa per tamponare l’acidità. Ne risulta una respirazione più regolare, una salute dello scheletro migliore e ossa e denti sani e robusti.

Perché la Dieta alcalina Migliora la forma fisica?

Perché da tono e vigore al succo contenuto nelle fibre muscolari e caccia via la ritenzione idrica.

In pratica il potassio ed il magnesio aiutano le cellule ad espellere il sodio, in questo modo le cellule diventano turgide ed i muscoli appaiono tonici. Se invece il regime alimentare e povero di minerali alcalinizzanti e ricchi di sodio, solfati e fosfati, le fibre muscolari si impoveriscono di potassio ed accumulano sodio perdendo acqua; Ne risulta dei muscoli flacidi e mollicci ricchi di liquidi di ritenzione che si accumulano all’esterno delle cellule.

Nelle donne ciò può favorire la cellulite.

La dieta tendenzialmente alcalina può favorire la perdita di peso?

Sicuramente si! Una dieta ricca di oligominerali alcalini e povera di sodio riduce l’assorbimento del glucosio a livello intestinale stabilizzando meglio le curve glicemiche.

Il glucosio a livello intestinale viene assorbito in associazione al sodio tramite i recettori GLUT-1. Se gli zuccheri e l’amido vengono accompagnati dal sale, il glucosio entra più velocemente nel sangue generando picchi glicemici più alti.

Frutta e verdura pur contenendo zuccheri, sono poveri di sodio e molto ricchi di magnesio e potassio; ciò frena l’assorbimento del glucosio a livello intestinale; anche la presenza dei polifenoli abbondantemente presenti nei cibi alcalinizzanti contribuisce a inibire le GLUT-1 intestinali contribuendo anche per questa via a stabilizzare la glicemia.

Perché una dieta ricca di fosfati acidificanti indebolisce le ossa ed il sistema immunitario?

Il motivo principale dipende dal fatto che l’eccessivo apporto di fosfati nella dieta stimola le cellule delle ossa a produrre l’ormone FGF23.

L’ormone FGF23 blocca l’enzima renale che attiva la vitamina D (il calciferolo) nella sua forma attiva calcitriolo. L’enzima renale che attiva la vitamina d si chiama Cyp-27b1.

Una carenza di calcitriolo impedisce una corretta mineralizzazione delle ossa e indebolisce il sistema immunitario.

Conclusioni

In conclusioni possiamo affermare che seguire un regime dietetico neutro – tendenzialmente alcalinizzante ci aiuta a mantenerci sani e belli; è bene precisare che essere troppo alcalini fa tanto male al corpo come essere troppo acidi.

Gli estremi bisogna evitare….se si segue una dieta troppo acida si va in acidosi; se si seguono diete troppo alcaline si va in alcalosi. Bisogna cercare di stare nel mezzo; L’ideale è seguire una dieta neutra, tendenzialmente alcalina.

Per seguire una dieta neutro -alcalina è sufficiente ascoltare i consigli del medico “mangiare di tutto, escludendo i cibi spazzatura ed includendo almeno cinque porzioni al giorno di frutta e verdura fresca e cruda di stagione”.

Scritto dal Tecnologo Alimentare

Dottor Liborio Quinto

Come recensione di Giugno 2017 al Libro: The pH Balance “Guida e Dieta per la Salute, del Dr Fraser Smith, Susan Hannah, Dr daniel Richardson- Stampa di Giugno 2017 – Taita Press Editore

 

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico.

Precedente La Zeatina Nell'Acqua di Noce di Cocco Successivo Misura il Tuo BOLT Respiratorio

Lascia un commento