Il Cavolo crudo, schiacciato sotto i denti forma il Sulforafano

Il Cavolo crudo, schiacciato sotto i denti forma il Sulforafano

Il Cavolo crudo, schiacciato sotto i denti forma il Sulforafano

Per Info sui prodotti DEPURANTI, scrivetemi su –> CONTATTI

I cavoli per difendersi da microorganismi patogeni ed insetti, producono una micidiale arma chimica: Il Sulforafano.

Il Sulforafano è anche una sostanza antitumorale ed antiossidante, utile alla prevenzione dei tumori; quindi inserire i cavoli e crucifere nella dieta, aiuta a prevenire i tumori.

Ma vediamo come si forma il sulforafano.

Il sulforafano non è presente all’interno del cavolo, ma si forma nel momento che viene mangiato “o schiacciato”, crudo.

Dentro le cellule del cavolo, non è presente il sulforafano, ma i suoi precursori: la GLUCORAFANINA e la MIROSINASI (EC3.2.1.147).

Dentro i Cavoli, queste due sostanze non sono a contatto tra loro, ma separate in cellule diverse; Quando schiacciamo con un dito la foglia di un cavolo, alcune cellule si rompono, e la GLUCORAFANINA entra in contatto con la MIROSINASI, producendo istantaneamente il potente antimicrobico SULFORAFANO.

La MIROSINASI è un enzima che al calore si denatura; quindi se il cavolo lo mangiamo crudo, sotto i denti la Mirosinasi scinde la GLUCORAFANINA in glucosio + SULFORAFANO; se invece mangiamo il cavolo cotto, la quantità di sulforafano che si forma sotto i denti è minima, perché l’enzima è stato distrutto dal calore.

Gli scienziati però suggeriscono che i microorganismi intestinali, sono in grado di produrre la MIROSINASI BATTERICA, e trasformare la GLUCORAFANINA del cavolo bollito, in SULFORAFANO, direttamente nell’intestino.

Per Info sui prodotti DEPURANTI, scrivetemi su –> CONTATTI

Fonte Bibiografica (Il Cavolo crudo, schiacciato sotto i denti forma il Sulforafano)

  • Herr I, Lozanovski V, Houben P, Schemmer P, Büchler MW. Sulforafano e relativi oli di senape al centro della prevenzione e della terapia del cancro. Wiener Medizinische Wochenschrift (1946). 2013 febbraio; 163 (3-4): 80-88. DOI: 10.1007 / s10354-012-0163-3. https://europepmc.org/article/med/23224634

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.