Omega-3 delle Alghe: Valida Alternativa per i Vegani

Omega-3 delle Alghe: Valida Alternativa per i Vegani

Per chi Vuole seguirmi, può registrarsi al gruppo Facebook Alimentazione & Salute

 

Gli omega-3 e gli omega-6 sono acidi grassi essenziali per la vita e l’essere umano è obbligato ad assumerli dagli alimenti di origine animale e vegetale.

Gli omega-3 sono famosi per le loro proprietà antinfiammatorie, antiaggreganti, ipotensive, antitumorali, neuro – protettivi e per la corretta salute della pelle e della vista.

Gli omega-3 migliorano i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue ed insieme agli omega-6 vanno a formare le membrane biologiche delle cellule rendendole fluide. I grassi saturi e quelli rancidi trans, rendono invece le membrane rigide; Poiché le basse temperature congelano gli acidi grassi delle membrane cellulari degli organismi acquatici, i pesci e le alghe che vivono nelle acque fredde dei mari artici ed antartici accumulano più acidi grassi essenziali omega-3 a lunghissima catena per mantenere fluide le membrane biologiche alle temperature gelide, fungendo da veri e propri antigelo; proprio per questo motivo, i pesci, il Krill, il fitoplancton e le alghe dei mari freddi sono un concentrato di omega-3 ed in particolare di due preziosi e rari omega-3 che si chiamano DHA (acido docosaesaenoico) ed EPA (acido eicosapentaenoico).

Per essere più precisi, i pesci e gli animali marini come omega-3, contengono acido alfa-linolenico (ALA), EPA e DHA, mentre le alghe ed il Fitoplancton contengono solo ALA e DHA mentre mancano quasi del tutto di EPA.

Gli omega-3 fondamentali per l’uomo sono il DHA e l’EPA, mentre ALA abbondantemente presente anche nei oli vegetali di lino, noce, ribes nigrum, perilla, canape, etc, servono a ben poco.

L’acido grasso EPA partecipa alla cascata dell’acido arachidonico e quindi è un mediatore importante dei processi antinfiammatori; più ne avete, maggiore sarà la salute cardiovascolare e l’effetto antinfiammatorio e antidolorifico ai traumi e stress infiammatori.

Il DHA svolge anch’esso qualche ruolo importante nei processi antinfiammatori, è infatti il precursore dell’eicosanoide antinfiammatorio Resolvina che favorisce la risoluzione (guarigione) del processo infiammatorio; Ma il ruolo principale del DHA è quello di nutrire le cellule del cervello, della retina e dei nervi; Il 30% degli acidi grassi del cervello è costituito dal DHA, il DHA è così fluido da rendere veloci le trasmissioni degli impulsi nervosi e molti esperti suggeriscono che questo acido grasso contribuisce alla salute mentale, visiva e sembra aumentare il quoziente intellettivo.

La cosa che stupisce è che EPA e DHA si possono interconvertire a vicenda. Se assumiamo molto olio di pesce, l’EPA in eccesso si trasforma in parte in DHA benefico per il cervello; se assumiamo molto DHA dall’olio di alga, parte di esso si trasforma in EPA favorendo i processi antinfiammatori.

La resa di interconversione DHA – EPA è molto efficiente e quindi per tutti coloro che non mangiano pesce o prodotti animali perché sono Vegani o vegetariani, l’alternativa migliore per integrare la dieta con Omega-3 di eccellente valore nutritivo sono gli oli di alga e le alghe verdi – azzurre con esclusione però della spirulina.

Al contrario gli omega-3 dell’olio di lino, noce, canapa, e di altri oli vegetali della terra ferma sono poco adatti a garantire la salute antinfiammatoria e neuro-protettiva perché contengono come omega-3 solo ALA che si trasforma a fatica in EPA con una resa scarsa del 2 – 3%.

Conclusioni

Le migliori fonti di omega-3 sono quelli estratti dagli animali marini e dalle alghe perché ricche rispettivamente di EPA e DHA i primi e di solo DHA i secondi. Il DHA si può trasformare agevolmente in EPA e viceversa e quindi il consumo di alghe verdi-azzurre e dell’olio di queste alghe è una valida alternativa per vegetariani e vegani, mentre non buona è quella di integrare con oli di lino, noce, canapa perché ricchi esclusivamente di ALA.

Quindi per integrare la dieta con ottimi omega-3 (EPA e DHA) ricordatevi che le migliori fonti sono i pesci, il Krill, le alghe ed il Fitoplancton;

Attenzione!! la Spirulina è un alga unicellulare molto venduta e consumata dai vegetariani e vegani; questa alga è molto salutare, però i suoi grassi non contengono significative quantità di EPA e DHA; quindi la spirulina non è una buona fonte di omega-3, però è ricchissima di GLA e DGLA che sono dei omega-6 antinfiammatori altrettanto importanti che si trovano anche nell’olio di borragine.

Il GLA e il DGLA sono i precursori delle prostaglandine antinfiammatorie della serie-1.

 

Nota Legale 

Le Informazioni contenute in questo Blog non intendono sostituirsi al parere professionale del medico. L’utilizzo di qualsiasi informazione qui riportata è a descrizione del lettore. L’autore e l’amministratore del Blog si sottraggono a qualsiasi responsabilità diretta o indiretta derivante dall’uso o dall’applicazione da qualsivoglia indicazione riportata nel Blog Alimentazione e Nutraceutica. Per ogni problema specifico si raccomanda di consultare uno specialista

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

2 Risposte a “Omega-3 delle Alghe: Valida Alternativa per i Vegani”

  1. x gli omega 3.
    dalle alghe. no problem . se invece dagli animali marini (cioe’ tutti i pesci) e siccome qualsiasi animale di terra mare cielo ,rilascia acidi nel corpo um. (urico solforico acetico scatolo fenolo ecc.) al 70% inespulsi ? (x filtri corpo umano principali FEGATO RENI ECC.) a potenza limitata del 30% (media) (solo i filtri dei veri carnivori animali es. leone lupo cane tigre ecc. hanno i filtri ad alta potenza filtrante eliminativa del 100%) premesso cio’, E’ quel 70% di acidi inespulsi e che rimanenti in circolo sanguigno e il sangue irrorando ogni organo e tessuto del corpo ,ne consegue a rigor di logica e che nessun premio nobel o ricercatore, puo’sovvertire leggi di natura, l’intossicazione generale di organi e tessuti seguita da intossicazzione infiammazioni ulcerazioni dell’organo o tessuto
    soggettivamente interessato . il tutto equivalente e tradotto con terminologie da medicina uff. allopatica, dicasi (SINTOMI MALATTIE PATOLOGIE).

I commenti sono chiusi.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.