La Cannella: Utile nel Controllo della Glicemia

La Cannella: Utile nel Controllo della Glicemia

Per chi vuole Seguirmi, può mettermi un “Mi Piace alla mia Pagina facebook https://www.facebook.com/italiainsalute/

La cannella è utile per chi ha problemi di iperglicemia e diabete mellito-2 perché ha la proprietà di frenare l'assorbimento del glucosio a livello intestinale e migliorare la sensibilità dei recettori IRS-1 di muscoli e tessuto adiposo all'insulina.

Per chi deve combattere tutti i giorni con la glicemia alta, il diabete mellito di tipo 2 e/o l’obesità a livello addominale, un valido aiuto può darla la Cannella.

La Cannella è una spezia ricavata dalla corteccia di un albero sempre verde appartenente alla famiglia delle laureaceae ed è reperibile in commercio sotto forma di piccoli rotoli cilindrici o in polvere.

La cannella è utile per chi ha problemi di iperglicemia e diabete mellito-2 perché ha la proprietà di frenare l’assorbimento del glucosio a livello intestinale e migliorare la sensibilità dei recettori IRS-1 di muscoli e tessuto adiposo all’insulina.

La cannella può aiutare anche le persone che sono sovrappeso a livello addominale, in cui il giro vita supera i 100 cm nel maschio ed i 90 cm nella donna.

Ricordiamo che il grasso che si accumula sul ventre dipende dalla glicemia alta e dalla resistenza insulinica ed è la porta di ingresso che conduce al diabete se non curata.

Colui che vuole controllare la glicemia tramite l’utilizzo della cannella, deve prendere l’abitudine durante i pasti di mettere una spolverata di cannella sui carboidrati complessi che ingerisce.

Sia ben chiaro, chi ha il diabete e prende farmaci, deve continuarle a prenderle; L’uso della cannella sugli alimenti, va intesa come un piccolo aiuto in più per migliorare la glicemia a supporto della terapia medica.

La cannella in pratica che fa?

La cannella ha la proprietà di mantenere bassa la glicemia dopo i pasti attraverso i seguenti meccanismi:

  1. Inibizione degli enzimi pancreatici che digeriscono l’amido, il malto, il saccarosio, come alfa-amilasi, la maltasi, e la saccarasi intestinale. Gli enzimi digestivi venendo inibiti dalla cannella, non digeriscono gli zuccheri e amidi introdotti con il pasto e di conseguenza viene rallentato l’assorbimento del glucosio nel sangue.
  2. Aumento della sensibilizzazione dei recettori IRS-1 all’insulina, consentendo l’affioramento sulla superficie cellulare di un maggior numero di recettori GLUT-4 che assorbono il glucosio dal sangue; in questo modo la cannella migliora l’effetto ipoglicemizzante dell’insulina.
  3. Aumento della secrezione dell’ integrina GLP-1, la quale a sua volta fa due cose utili per il diabetico e l’obeso a livello viscerale: A) Stimola il pancreas a produrre più insulina; 2) rallenta lo svuotamento gastrico e quindi rallenta l’assorbimento del glucosio dall’intestino al sangue;

la cannella quindi può considerarsi una spezia utile per tutte quelle persone che ogni giorno devono fare i conti con patologie legate alla glicemia alta, che nel loro insieme prendono il nome di Sindrome Metabolica.

Rientrano sotto la voce di sindrome Metaboliche le seguenti patologie: Diabete mellito di tipo-2, ipertensione, arteriosclerosi, dislipidemie, obesità viscerale, sindrome dell’ovaio policistico, etc.

Quindi di tanto in tanto mettete dove possibile una spolverata di cannella .. vi aiuterà a mantenere nella norma i livelli di glucosio ed a migliorare il trattamento farmacologico prescritto dal medico; l’unico difetto della cannella è che inibendo molti enzimi pancreatici coinvolti nella digestione degli alimenti può favorire la stitichezza.

Fonte Bibliografica

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.