La Xenosialitis: un Infiammazione causata dal Consumo di carni Rosse e Latte

La Xenosialitis: un Infiammazione causata dal Consumo di carni Rosse e Latte

Sei Interessato a rinforzare il sistema immunitario e migliorare il benessere? Allora fai richiesta della scheda tecnica gratuita del Reishi e curcuma-plus, scrivendomi su —–> CONTATTI

Normalmente il corpo umano produce l’acido sialico umano Neu-5Ac (Acido Acetil-neuroaminico), mentre la maggior parte dei mammiferi produce anche l’acido sialico “non umano”, il Neu-5Gc (o acido N-glicosil-neuroaminico).

Chi mangia molta carne rossa, latte, latticini e formaggi, rischia di accumulare nell’organismo grandi quantità di acido sialico Non umano, ossia l’acido Neu-5Gc”.

L’acido sialico non umano, assunto con la dieta ricca di carni rosse e derivati lattiero caseari, tende ad entrare nella circolazione sanguigna ed a depositarsi lungo i tessuti ed organi.

Poiché il sistema immunitario riconosce come estraneo la presenza di “acido sialico non umano”, produce anticorpi contro questa sostanza.

L’acido sialico non umano viene incorporato dalle cellule umane e poi espresse sulla superficie delle cellule; gli anticorpi Anti-acido sialico non umano (anticorpi anti neu-5Gc) , si appiccicano alla superficie delle cellule che espongono l’acido sialico non umano, generando infiammazione autoimmune.

L’Infiammazione cronica innescata dall’acido sialico non umano provocato dall’abuso di carni rosse e derivati del latte, si chiama Xenosialitis.

Quindi mangiare molta carne rossa, formaggi e latticini, può causare Infiammazione cronica anche a carattere autoimmune, per colpa della contaminazione dei tessuti di acido sialico non umano (Neu-5Gc).

Le carni più ricche di acido sialico non umano, sono:

  • Le carni di capre e ovini
  • Le carni rosse di Bovini (vitelli, vitelloni, manzi, buoi e bufale)
  • Il Latte e formaggi di capra, pecora, vacca e bufala.
  • Le Carni rosse di maiali.

Non contengono (o ne contengono in minime quantità), acido sialico non umano, la maggior parte dei pesci, le uova ed il pollame.

Quindi le cari bianche ed il pesce sono privi di rischio di contaminazione di acido sialico non umano Neu-5Gc, e sono da preferire alla carni rosse ed al latte animale.

Tra le carni e latte più ricchi di acido sialico non umano, spiccano quelli di capra e pecora; il loro contenuto in acido sialico non umano è leggermente più superiore a quello dei bovini e del maiale.

Se ci pensiamo un po’, i paesi a maggior consumo di carne rossa Bovina e Ovina e di latte e derivati lattiero caseari, sono anche quelli in cui prevalgono le malattie autoimmuni e tumorali.

Paesi come gli USA, il Canada, L’Australia e l’Europa, dove il consumo pro-capite di latte e carne rossa sono tra i più alti al mondo, hanno il record di malattie autoimmuni e tumori.

Mangiare meno carni rosse e derivati lattiero caseari è un principio importante per la prevenzione ed il benessere.

Fonte Bibliografica consultata

Desclaimer

Le Informazioni Pubblicate su Alimentazione e Nutraceutica hanno carattere esclusivamente divulgativo e non devono essere considerate come consulenze né prescrizioni di tipo medico o di altra natura. Prima di prendere decisioni riguardanti la propria salute, compresa quella di variare il proprio regime alimentare, è indispensabile consultare, di persona, il proprio medico

Precedente IL Cadmio può favorire il Tumore al Seno Successivo Cosa Determina il Gruppo Sanguigno

Lascia un commento