Le poliammine nutrono i tumori

Le Poliammine nutrono i Tumori

Per chi Vuole seguirmi, può registrarsi al gruppo facebook Alimentazione e salute

Le poliammine, sono sostanze da considerare fondamentali per la salute dell’organismo, ma quando sono in eccesso, possono diventare un pericolo per l’uomo.

Le poliammine sono un gruppo di sostanze derivanti dall’ornitina e dalla lisina, è giocano un ruolo importante nella replicazione cellulare e regolazione del sistema immunitario.

Le poliammine derivanti dall’ornitina, sono: la putrescina, la spermidina e la spermina.

La poliammine derivanti dalla lisina sono la CADAVERINA ed i suoi derivati superiori.

Le Poliammine sono fondamentali per favorire la replicazione cellulare, ma in caso di TUMORI, è meglio ridurre l’apporto all’organismo di poliammine.

Infatti i tumori per crescere, oltre al bisogno di zuccheri e glutammina, sono avidissime di poliammine.

Le poliammine servono al Tumore, per crescere e per formare metastasi; Il sangue e le urine dei Malati di tumore sono ricchissime di poliammine.

Il tumore, si serve delle poliammine, principalmente per 2 scopi:

  1. favorire la replicazione cellulare
  2. Sopprimere il sistema immunitario

Le poliammine sono delle sostanze Immunosoppressori, ossia addormentano il sistema immunitario, disattivandolo. Le cellule immunitarie, vengono corrotte dal Tumore, anche grazie alle poliammine.

Si è notato che nei malati di tumore, le poliammine sono presenti ad alte concentrazioni nel sangue e nelle urine; Più è minaccioso il tumore, maggiore sarà la concentrazione di poliammine nei fluidi corporei e nelle urine. Si è anche visto, che i malati di tumore, sottoposti ad intervento chirurgico o a radioterapia per rimuovere la massa tumorale, vedono ridursi le concentrazioni di poliammine nel sangue e nelle urine.

Quindi alla luce di ciò, un intervento nutrizionale adatto ai malati di tumore, è quello di rimuovere dalla dieta i cibi che possono favorire l’accumulo di poliammine nel sangue.

L’accumulo di poliammine nell’organismo, derivano da 3 fonti:

  1. Fonte interna: le cellule dell’organismo, ed in particolare quelle tumorali producono una certa quantità di putrescina, spermina e spermidina, grazie all’espressione genica dell’enzima Ornitina decarbossilasi; e della partecipazione del SAMe derivante dal ciclo dei folati e della metionina in cui sono coinvolti l’acido folico e la vitamina B12; Ecco perchè alcuni oncologi sono contrari nel somministrare Vitamina B12 e Acido folico ai malati oncologici; Ma sull’argomento ci sono opinioni contraddittorie.
  2. Flora Batterica Intestinale: Una dieta povera di fibra alimentare, di frutta e verdura e ricca di carni, salumi, formaggi, fritture, e cibi spazzatura, zucchero compreso, favorisce una flora batterica intestinale putrefattiva, che forma nell’intestino un’eccessiva decarbossilazione di aminoacidi, tra cui lisina e ornitina, favorendo l’aumento nell’organismo di poliammine, come cadaverina, putrescina, spermidina e spermina, che possono sopprimere il sistema immunitario. In questo contesto, una dieta vegetariana con moderato apporto di pesce, uova e carni bianche, può favorire una flora batterica di macerazione “e non putrefattiva”, tale da ridurre la produzione intestinale di poliammine.
  3. Fonte Alimentare: Gli alimenti, diciamo Tutti gli alimenti, contengono poliammine, ma ci sono alcune categorie di cibi che ne sono particolarmente ricche e sono: L’arancio, il pompelmo, il mandarino, i formaggi, i salumi fermentati (salame, soppressata, salsiccia stagionata), il mango, il latte, il ketchup. I Krauti fermentati, la salsa di soia, la soia fermentata tipo il Miso. Questi alimenti, secondo il parere di alcuni medici, devono essere ridotti; Attenzione! Mentre gli agrumi, in primis l’arancio ed il suo succo, sono ricchissime in Putrescina (precursore di spermina e spermidina), i formaggi, il latte e le carni stagionate, sono ricche di Spermidina e spermina.

Per quanto riguarda gli Agrumi, sembra un paradosso che devono essere sconsigliati ai malati oncologici, (ossia vanno consumati con parsimonia). Infatti si sente dire spesso in televisione e sui giornali che gli agrumi sono cibi ANTICANCRO…in parte è vero…ma in parte non è vero!

Gli Agrumi, diciamo tutti, vanno limitati ai malati di tumore, per le seguenti motivazioni:

  1. Sono ricchissime in poliammine, in particolare di Putrescina; L’arancia contiene circa 117 ppm (mg/Kg) di Cadaverina, mentre il mandarino ne contiene 122 mg/kg, il succo di pompelmo quasi 100 mg/Kg.
  2. Contengono Furocumarina concentrate nella buccia degli agrumi, ed in particolare nella Buccia del bergamotto. La Furocumarina è mutagena, foto-tossica, quindi per questa ragione, i succhi di agrumi e le marmellate di agrumi (sopratutto di bergamotto), vanno evitati anche nei soggetti sani durante la stagione estiva, perché potrebbero rischiare dermatiti, vitiligine e disturbi cutanei. In autunno – inverno, per la mancata esposizione della pelle alla luce solare, non si rischia nessun pericolo.
  3. Sono ricche di acido citrico, che se abbonda nella dieta e quindi aumenta di concentrazione nel citoplasma (e non nella matrice mitocondriale), favorisce la sintesi di trigliceridi e colesterolo e processi di acetilazione grazie all’attivazione della CITRATO LIASI, che secondo molti oncologi-ricercatori è un probabile bersaglio enzimatico da colpire con la chemioterapia. ( nelle cellule tumorali, c è un eccessiva fuoriuscita di acido citrico dal Mitocondrio al Citoplasma, contribuendo ad avviare la proliferazione cellulare e tumorogenesi; quindi è bene limitare l’assunzione di acido citrico e quindi degli agrumi.

Tecnologo Alimentare

Dottor Liborio Quinto, esperto in chimica degli alimenti ed Epigenetica.

Questo riassunto, è semplicemente un Mio pensiero personale, sull’idea che mi sono fatto sull’apporto delle poliammine e della dannosità degli agrumi in certe situazioni.

Per ogni problema di salute, rivolgetevi al proprio medico e/o specialista.

 

Per saperne di più sulle Poliammine, potete leggere Quì sotto; In linguaggio adottato in questa seconda parte è molto tecnica e non adatta a coloro che non conoscono la Biochimica.


 


Le poliammine

le poliammine spermina, spermidina e putrescina, sono policationi con 3 e 4 gruppi amminici. Quasi tutte le cellule producono poliammine, ma la loro produzione e max nelle cellule in rapida crescita.

Le poliammine aumentano nel sangue e urine dei malati di tumore; Alte concentrazioni di poliammine, sono associate a prognosi sfavorevole.

L’aumento dei livelli ematici di poliammine nelle urine e nel sangue, sono associati ad un aumento della biosintesi di poliammine nel tessuto tumorale.

Se si effettua un intervento chirurgico, oppure una radioterapia, la concentrazione di poliammine nelle urine diminuisce.

Ma quali sono le Poliammine?

Putrescina, spermidina e spermina, si trovano in tutte le cellule in quantità di millimoli/litro.

Poliammine e cancro

Le poliammine sono prodotte nelle cellule in forte crescita, comprese quelle neoplastiche. Quindi la concentrazione di poliammine, nonché l’espressione e l’attivazione degli enzimi coinvolti nella biosintesi delle poliammine ed in partiicolare dell’ORNITINA DECARBOSSILASI “ODC”, sono più elevati nei tessuti tumorali rispetto al normale tessuto sano circostante.

Inoltre questi valori diminuiscono dopo eradicazione del tumore, ed aumentano dopo una recidiva, indiando che le poliammine sintetizzati dai tessuti tumorali sono immessi nella circolazione linfatica e sanguigna ed espulsi a mezzo dei reni, nelle urine.

Le poliammine, sono prodotte anche in altre sedi dell’organismo, e possono essere trasportati in vari organi e tessuti, come il lume intestinale, dove vengono assorbiti rapidamente e veicolati a mezzo della vena porta, e di conseguenza aumentano nella circolazione sanguigna, linfatica e nei tessuti ed organi.

Nella circolazione sanguigna, una maggiore concentrazione di poliammine, favorisce un maggior assorbimento delle poliammine da parte dei globuli bianchi e rossi.

Anche all’interno delle cellule dei tessuti normali i livelli di poliammine aumentano nei malati oncologici.

In cellule esposte ad ipossia cronica, la sintesi delle poliammine è diminuita, mentre la capacità di assorbire poliammine dal sangue e linfa è aumentata.

L’aumento della sintesi delle poliammine, sembra essere accompagnata da invasività, cancro, e maggiore espressione genica ed attività enzimatica della Ornitina decarbossilasi.

DFMO è un inibitore della Ornitina decarbossilasi ed ha dimostrato di avere attività antitumorale in provetta su cellule tumorali in fase di proliferazione.

 

Fonti Bibliografiche

  1. I meccanismi attraverso i quali le poliammine accellerano la diffusione dei Tumori http://jeccr.biomedcentral.com/articles/10.1186/1756-9966-30-95#CR32_512
  2. Le Poliammine negli alimenti: sviluppo di una banca dati alimentare (Svezia) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3022763/
  3. Tabella contenuto delle poliammine negli Alimenti https://attachment.fbsbx.com/file_download.php?id=738467976284105&eid=ASui-H1_OtIoPOhfcThb2aIwP0EWCGxuh36UwjC3jwP9p199hVKLrU8bdYJ7FOzXZb8&inline=1&ext=1446290522&hash=ASuEH_6WTiBJesIz

Nota Legale 

Le Informazioni contenute in questo Blog non intendono sostituirsi al parere professionale del medico. L’utilizzo di qualsiasi informazione qui riportata è a descrizione del lettore. L’autore e l’amministratore del Blog si sottraggono a qualsiasi responsabilità diretta o indiretta derivante dall’uso o dall’applicazione da qualsivoglia indicazione riportata nel Blog Alimentazione e Nutraceutica. Per ogni problema specifico si raccomanda di consultare uno specialista

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.