Mirtillo Rosso per la Vescica

Per chi Vuole seguirmi può iscriversi al gruppo Facebook Alimentazione & Salute

Cranberries2

Mirtillo Rosso per la Vescica

Il Mirtillo Rosso Americano e sopratutto il suo succo “il Cranberries” è utilissimo come coadiuvante nella cura delle infezioni alle vie urinarie, alla vescica e previene la cistite.

Il mirtillo rosso Americano contiene alcune sostanze antibatteriche che impediscono ai germi che infettano la vescica di appiccicarsi alla mucosa; i germi non riuscendo ad appiccicarsi non si riproducono e l’infezione alle vie urinarie guarisce. Il Mirtillo Rosso è utile anche per la cura della vescica irritabile che è un disturbo dovuto a infezioni alla vescica che stimola il soggetto ad urinare spesso. Tra le proprietà funzionali il mirtillo rosso ha anche la capacità di ridurre gli odori delle urine; Il succo di mirtillo è un deodorante delle urine.

In Occidente si conoscono due tipi di Mirtillo Rosso: Il Mirtillo rosso americano chiamato Cranberries e il Mirtillo Rosso Europeo. Entrambi hanno un sapore acidulo e godono delle stesse proprietà nutrizionali, ma la varietà Americana è di gran lunga superiore per il maggior quantitativo di antocianidine che possono raggiungere la concentrazione record di 500 mg/100 ml di succo puro.

Le antocianidine del mirtillo rosso sono utili per:

  • il diabete mellito di tipo 2
  • per ridurre la ritenzione idrica
  • per rinforzare i vasi sanguigni ed il cuore
  • per ridurre le infiammazioni
  • godono di alcune proprietà antitumorali
  • sono coadiuvanti nella cura delle infezioni alla vescica e alle vie urinarie
  • prevengono la cistite
  • Sono degli antibatterici e antivirali

Gli Indiani di America erano ghiotti di Cranberries e lo utilizzavano ovunque, sia come succo e sia come conservante alimentare; Il succo di mirtillo infatti è ricco di un conservante naturale antibatterico ed antifungino “l’acido benzoico” che mescolato nelle salse e nelle carni secche che preparavano gli indiani consentiva di aumentare il tempo di conservazione.

Gli Indiani d’America utilizzavano il succo di Cranberries anche per curare le infezioni alla vescica e per disinfettare le ferite.

Riferimenti bibliografici

Infiammazioni: i killer nascosti di Michaela Doll – Macro edizioni – Capitolo 9 2Non date alcuna chance ai focolai delle infiammazioni, Pagine 128,129,130, 131.

Precedente Il Successo del Melograno Successivo I Polifenoli della Pesca Rich Lady antitumorali

Lascia un commento