Gli Esosomi del Latte di Mucca

Il latte di mucca, contiene Esosomi che veicolano informazioni genetiche bovine,sotto forma di microRNA, che possono interferire sulla salute umana. In questa pubblicazione riassumo le informazioni della pubblicazione del Dottor Boldo C. Melnik , intitolata: Exosomes of Pasteurized milk: Potential Pathogens of Western diseases

il latte di mucca Contiene informazioni
Genetiche della Mucca
Sotto forma di Micro RNA
Veicolati da ESOSOMI
E resistenti alla
Pastorizzazione

È diffusa l’idea che il latte di mucca sia un alimento sano ed utile ai bambini ed agli adulti. Secondo molti nutrizionisti, il latte di mucca è utile alla crescita dei bambini ed alla prevenzione dell’osteoporosi nell’adulto.

Eppure, stando alle ultime ricerche sul latte di mucca, pare che sia potenzialmente dannoso al consumatore.

Il latte non è solo un alimento nutriente, ma è anche il mezzo con cui la madre trasferisce informazioni genetiche specifiche al proprio cucciolo, modulando la crescita, la proliferazione cellulare ed il sistema immunitario.

L’essere umano dovrebbe consumare solo il latte di mamma fino al periodo dello svezzamento, perché oltre a nutrirlo, riceve la corretta programmazione genetica per crescere e sviluppare il sistema immunitario.

Il Latte di mucca, invece andrebbe evitato, perché contiene modulatori genetici che la vacca trasferisce al vitello.

Questi modulatori genetici, contenuti in abbondanza nel latte di tutte le specie, si chiamano Micro-RNA, racchiusi in vescicole di grasso “chiamati Esosomi”.

I MicroRNA sono pezzi di informazione genetica prodotti dalla mamma, che impacchettati negli Esosomi e secreti nel latte, vanno ad accumularsi nel corpo dei cuccioli, modulando la crescita.

Se consumiamo latte intero di mucca, accumuliamo MicroRNA di Vacca dentro i nostri organi, interferendo sulla nostra sintesi proteica. E come se alcuni geni della Vacca, modulano e programmano la crescita dell’essere umano che consuma latte bovino.

Terribile, vero!!!

Secondo il dottor Boldo C. Melnik, gli Esosomi del latte di mucca che veicolano MicroRNA, bovino, sono responsabili di molte malattie moderne che colpisce le popolazioni umane. Tra queste cita: l’obesità, l’iperfagia, il diabete mellito di tipo-2, arteriosclerosi e mortalità cardiovascolare, osteoporosi, morbo di Parkinson, Cancro al retto-Colon, cancro alla prostata, cancro al seno, carcinoma epatocellulare, linfoma diffuso a grandi cellule-B, etc.

I principali micro-RNA presenti negli esosomi di latte di mucca, sono:

  1. miR-148a, sospettato di causare: Aterosclerosi, obesità, diabete mellito di tipo 2, iperfagia, carcinoma prostatico, carcinoma mammario, carcinoma epatocellulare associato a epatite B, osteoporosi
  2. miR-21, sospettato di causare: Adipogenesi, macrosomia fetale, carcinoma prostatico, carcinoma mammario, osteoporosi, carcinoma epatocellulare, linfoma diffuso a grandi cellule B
  3. Diabete mellito di tipo 2, sospettato di causare: Diabete mellito di tipo 2
  4. miR-155, sospettato di causare Carcinoma mammario, carcinoma epatocellulare associato all’epatite C, linfoma diffuso a grandi cellule B, morbo di Parkinson, carcinoma prostatico
  5. TGF-β (un fattore di crescita presente dentro alcuni esosomi), sospettato di causare Carcinoma mammario, carcinoma prostatico, osteoclastogenesi
  6. Lipidi degli Esosomi, sospettati di causare il Morbo di Parkinson

Il professor Boldo C. Melnik, nel suo manoscritto, avverte, che:

  1. Il latte prodotto da razze di vacche moderne, contiene una maggiore quantità di esosomi con microRNA
  2. La Pastorizzazione non è in grado di distruggere gli esosomi.
  3. Il latte intero contiene più esosomi di quello scremato, in quanto si concentrano nella fase grassa del latte.
  4. I processi di fermentazione del latte distruggono gli esosomi, disattivando i micro-RNA
  5. Alimenti fermentati come Yogurt, Kefir, latticini e formaggi, sono privi di Esosomi, perché distrutti durante la fermentazione lattica

In conclusione

Secondo il dottor Boldo C. Melnik, il Latte non è solo un alimento, ma contiene informazioni genetiche specie specifiche che la madre trasferisce al cucciolo, modulando le funzioni biologiche. Noi esseri umani di regola, dobbiamo consumare solo latte materno, fino al periodo dello svezzamento. Il latte di mucca non è adatto alla dieta umana per la presenza di esosomi contenenti informazioni genetiche della mucca; la pastorizzazione del latte non è in grado di distruggere gli esosomi, mentre la fermentazione lattica si.

Poiché il la fermentazione lattica distrugge gli esosomi, tutti i prodotti lattiero-caseari che hanno subito processi di fermentazione lattica, sono privi di esosomi, e possono essere consumati senza problemi.

Yogurt, Kefir, latticini e formaggi, possono ritenersi sicuri per l’assenza di esosomi, perché hanno subito il processo di fermentazione lattica che ha dissolto gli esosomi e degradato i micro-RNA.

Infine credo che il latte scremato è quasi privo di esosomi, in quanto si concentrano nella fase grassa del latte e nella panna. Quindi il latte scremato può essere una valida alternativa a quello intero, perché privato del grasso su cui si concentrano gli esosomi.

Fonte Bibliografica

  1. Exosomes of Pasteurized milk: Potential Pathogens of Western diseases. Boldo C. Melnik et al 2019 https://translational-medicine.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12967-018-1760-8#Sec5
  2. mirBase ( il database dei MicroRNA) http://mirbase.org/
Precedente Intelligenza Successivo Semi di Zucca Super-Cibo

Un commento su “Gli Esosomi del Latte di Mucca

  1. Il cancro al seno (BC) è il tumore più comune nelle donne nei paesi industrializzati. In Europa, nel 2018 sono stati stimati 523.000 casi di BC femminile [ 280 ]. Uno studio prospettico su 25.892 donne norvegesi ha riferito che i consumatori di 750 ml o più di latte intero al giorno avevano un rischio relativo di 2,91 rispetto a quelli che consumavano <150 ml [ 338 ]. Wang et al. [ 339] ha esaminato i fattori di rischio per BC nelle donne (n = 122.058) residenti nelle aree urbane e rurali della Cina orientale. Tra le donne residenti nelle aree rurali, l'obesità e un'elevata assunzione di latte sono state identificate come fattori di rischio per la BC. Uno studio caso-controllo in Messico (97 pazienti con BC, 104 controlli) ha riportato che un elevato consumo di latte ha aumentato il rischio di BC di 7,2 volte, mentre il consumo di carne non è stato significativamente associato con il rischio di BC [ 340 ]. Secondo uno studio caso-controllo (n = 333) in Uruguay, l'assunzione elevata di latte intero era associata ad un aumento significativo del rischio di BC, mentre i prodotti lattiero-caseari fermentati erano associati ad un significativo calo del rischio [ 341]. In una grande coorte svedese (n = 22.788), le persone con intolleranza al lattosio, caratterizzate da un basso consumo di latte, avevano un rischio ridotto di BC [ 342 ]. Al contrario, un'analisi aggregata più antica degli studi di coorte (n = 351.041) [ 343 ] non ha trovato associazioni significative tra l'assunzione di prodotti lattiero-caseari e il rischio di BC. In particolare, attualmente nessuno studio epidemiologico ha confrontato chiaramente l'effetto del latte intero rispetto ai prodotti a base di latte fermentato e mancano dati sul tipo di trattamento termico del latte in tutti gli studi epidemiologici

    Fonte bibliografica --> https://translational-medicine.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12967-018-1760-8#Sec5

Lascia un commento