Sonno e Infiammazione

Desclaimer: Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico

Sonno e Infiammazione

Per Info sulle vitamine che aiutano a migliorare il sonno, scrivetemi su –> CONTATTI

Le attività quotidiane di studio, lavoro, sport e vita sociale, generano un certo carico di citochine infiammatorie, prodotte dal sistema immunitario, che induce il cervello "a predisporsi per il sonno; Il Sonno profondo, rigenera l'organismo e la mente, attenuando l'infiammazione e migliorando le competenze immunitarie. Lo stress generata da una eccessiva infiammazione, può attivare anche la secrezione di cortisolo e catecolamine, che disturbono il  sonno. Pertanto per favorie un buon sonno veglia, occorre essere moderatamente attivi durante la giornata, evitando lo stress cronico, perché lo stress interferisce sui meccanismi delle citochine infiammatorie che innescano il sonno.
Le attività quotidiane di studio, lavoro, sport e vita sociale, generano un certo carico di citochine infiammatorie, prodotte dal sistema immunitario, che induce il cervello “a predisporsi per il sonno; Il Sonno profondo, rigenera l’organismo e la mente, attenuando l’infiammazione e migliorando le competenze immunitarie. Lo stress generata da una eccessiva infiammazione, può attivare anche la secrezione di cortisolo e catecolamine, che disturbono il sonno. Pertanto per favorie un buon sonno veglia, occorre essere moderatamente attivi durante la giornata, evitando lo stress cronico, perché lo stress interferisce sui meccanismi delle citochine infiammatorie che innescano il sonno.

Ho letto un affascinante pubblicazione scientifica, intitolata: THE SLEEP-IMMUNE CROSSTALK IN HEALTH AND DISEASE di Luciana Besedovsky, X Tanja Lange, and Monika Haack che parla della relazione tra sonno e Infiammazione.

Dalla lettura dell’articolo, ho appreso che il carico infiammatorio che accumuliamo durante la normale attività giornaliera, scatena il sonno.

Qualsiasi attività fisica, psichica ed interattiva con l’ambiente, genera una certa quantità di infiammazione che sollecita il sistema immunitario a produrre citochine infiammatorie e prostaglandine. Queste sostanze “a seconda della quantità liberate nel sangue”, generano stanchezza, fiacchezza, dolori reumatici e sonno.

Il sonno è innescato dal carico infiammatorio acuto, prodotto durante l’intera giornata, e la sera ci viene spontaneo addormentarci.

Quando dormiamo profondamente, il sistema immunitario ripara i danni, le cellule si rigenerano ed i mediatori dell’infiammazione tendono ad abbassarsi, favorendo il risveglio.

Vi è capitato che dopo un intenso allenamento, o un giorno di studio che vi ha stancato, dopo una bella dormita, vi siete risvegliati in perfetta forma ed energia.

Cosa significa questo!

Che l’infiammazione è qualcosa che fa parte di ognuno di noi: Non aumenta necessariamente per colpa di un trauma o infezione; Anche le normali attività quotidiane, contribuiscono a generare un po’ di infiammazione. Questa infiammazione è utile per indurre il sonno, ed è proprio durante il sonno che il corpo, ed il cervello si rigenera abbassando l’infiammazione.

Il sonno è probabilmente una risposta di fase acuta “all’infiammazione”.

Fateci caso: Anche quando vi influenzate o raffreddate, vi viene la sonnolenza e vi addormentate. Se il sonno è profondo, al mattino vi sentirete più lucidi e freschi. Il sonno profondo contribuisce anche a combattere le infezioni.

Attenzione però!

Se è vero che il carico infiammatorio giornaliero favorisce il sonno, è anche vero che il cortisolo e l’adrenalina liberata dallo stress, blocca o disturba il sonno.

L’infiammazione favorisce il sonno, ma la troppa infiammazione “stimola il rilascio di cortisolo che disturba il sonno”, impedendo un corretto recupero dell’efficienza fisica e mentale.

Infatti, se è vero che dopo un impegnativa attività fisica o di studio, ci favorisce il sonno, è anche vero che un eccessiva attività genera stress e liberazione di cortisolo che disturba il sonno.

E’ noto infatti che dopo una gara estenuante, la notte pur avendo sonno, si fatica a prendere sonno; Perché? Per colpa dei livelli di cortisolo e adrenalina.

Per Info sulle vitamine che aiutano a migliorare il sonno, scrivetemi su –> CONTATTI

Ma Ora veniamo ai particolari Biochimici, che a Me piacciono tanto!

Perché una persona sana, durante l’attività quotidiana, produce un carico infiammatorio?

Il motivo è questo: durante la giornata, il sol fatto di lavorare, pensare, studiare, lacera alcune cellule dei nostri organi, liberando nell’ambiente extracellulare il loro contenuto interno (mitocondri, nucleo, organelli, proteine citoplasmatiche, cardiolipina, etc). Queste sostanze interne alle cellule, in immunologia vengono chiamate DAMPs, e sono in grado come i virus e batteri, di attivare le cellule immunitarie, generando infiammazione.

Anche lavorare troppo con il cervello, genera DAMPs cerebrali; per esempio pensando troppo con il cervello durante la giornata, le sinapsi liberano oltre ai neurotrasmettitori, anche piccole quantità di scorie proteiche “come le proteine beta-amiloidi”. Queste scorie generano una lieve infiammazione favorendo la stanchezza ed il sonno; durante il sonno, le beta-amiloidi vengono rimossi dalle sinapsi del cervello attraverso il microglia; ecco perché dopo una bella dormita, ci sentiamo con la mente più lucidi ed elastici.

Quando però in mezzo alla infiammazione quotidiana, c’è di mezzo il cortisolo dello stress, il sonno viene disturbato, e la pulizia del cervello e dei tessuti di tutti gli organi viene meno. Ecco e prché quando siamo agitati e stanchi, non riusciamo a fare un buon sonno, e ci risvegliamo intontiti e pieni di acciacchi.

Non vi spaventate!

Sappiate che per ripulire il corpo dovete impegnarvi a dormire meglio, e per farlo occorre vivere di giorno per stancarsi, evitando lo stress e l’ansia. In questo modo, l’infiammazione sana accumulata a fine giornata, indurrà un bel sonno rigeneratore che pulirà “anche il cervello dalle scorie proteiche”, prevenendo le malattie neurodegenerative.

Per Info sulle vitamine che aiutano a migliorare il sonno, scrivetemi su –> CONTATTI

Altra cosa che ci tengo a dire: Il sonno ristoratore contribuisce anche ad abbassare lo stress ossidativo e rinforzare il sistema immunitario. La mancanza di sonno, nel lungo periodo può abbassare le difese immunitarie e diventare vulnerabili a infezioni, allergie, malattie autoimmuni etc. Il sonno rinforza il sistema immunitario.

Cervello e sistema Immunitario regolano l’infiammazione: Il sistema immunitario sollecitato dalle attività quotidiane genera infiammazione che induce il cervello ad indurre il sonno; Il cervello tramite il sonno, rigenera l’organismo, rinforza il sistema immunitario ed abbassa l’infiammazione, il tutto seguendo un ritmo oscillatorio “sonno/veglia”.

Meccanismo dettagliato dell’infiammazione che induce il sonno:

Immaginate di alzarvi al mattino e di fare tutte le attività quotidiane: mangiare, allenarsi, lavorare, studiare, incazzarsi con il Vicino e portare a passeggio il Cane. Tutte queste attività quotidiane, lacerano alcune cellule, che liberano DAMPs.

I DAMPs sollecitano il sistema immunitario a produrre citochine infiammatorie: IL-1, TNF, IL-15, IL-18, Interferone, etc.

Queste citochine prodotte durante il decorso della giornata, si accumulano nel sangue, generando stanchezza; alcune di queste raggiungono il cervello, inducendolo a produrre la Prostaglandina PGD2 induttrice del sonno. Man mano che la giornata piena di impegni, passa, il carico infiammatorio aumenta e la prostaglandina PGD2 cerebrale si impenna, provocando sonnolenza, stanchezza, ipersensibilità al dolore, e voglia di dormire. Se soddisfiamo la voglia di dormire, il corpo si rigenera e la PGD2 cerebrale si abbassa, ridando vigore al corpo ed alla mente. Se invece il sonno è disturbato, la PGD2 e le citochine infiammatorie continuano a rimanere alte, e vi risveglierete intontiti, con la mente annebbiata e con gli acciacchi; inoltre il sistema immunitario risulterà più debole e sarete più predisposti a raffreddori e malanni invernali.

Desclaimer:

Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico

Fonte Bibliografica [Sonno e Infiammazione]

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Una risposta a “Sonno e Infiammazione”

  1. E’ Importante Dormire, per una salute di ferro.
    Esperimenti fatti nei decenni passati, hanno dimostrato che privando il sonno a Cani e Topi di laboratorio, andavano incontro a disfunzioni immunitarie e morte.
    Il Sonno è una funzione fisiologica del corpo, con il quale ripulisce i neuroni del cervello dalle scorie tossiche, prevenendo la decadenza mentale. Il sonno rinforza il sistema immunitario e rinvigorisce il fisico e la lucidità mentale, contrastando l’infiammazione.
    Un sonno disturbato, nel lungo periodo può favorire la comparsa di alcune patologie, in primis la salute del cuore e del sistema nervoso centrale.
    data l’importanza del sonno, e della complessità dei suoi meccanismi, per apprendere le nozioni base per un buon sonno, vengono suggeriti alcuni libri, come Dormire bene for dummies pubblicato dal neuroscienziato Arnaud Rabat.
    Fonte Bibliografica
    https://www.ilgiardinodeilibri.it/libri/__dormire-bene-dummies-mounir-chennaoui-arnaud-rabat.php?pn=5335

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.