Acido Alfa-Lipoico e Centri [Fe-S]

Acido Alfa-Lipoico e Centri [Fe-S]
L’Integrazione alimentare di Acido Alfa lipoico (esogeno), induce l’espressione genica degli enzimi LIPOATO SINTASI (EC2.8.1.8) e della FRATASSINA, coinvolti rispettivamente nella sintesi di altro acido alfa-lipoico (endogeno) e dei Centri [Fe-S], contribuendo a migliorare la funzione mitocondriale, la glicemia e l’ossidazione dei grassi e del glucosio. Pare che anche il Resveratrolo estratto dalla buccia d’uva e l’antiossidante EGB761 estratto dal Gingko biloba, inducano l’epsressione genica della LIPOATO SINTASI e della FRATASSINA. L’iperglicemia, il diabete e l’obesità, silenziano l’espressione genica dei due enzimi, promuovendo la disfunzione mitocondriale e l’intolleranza al glucosio (Tecnologo Alimentare dottor Liborio Quinto).

Acido Alfa-Lipoico e Centri [Fe-S]

Per Info sugli integratori preventivi dell’invecchiamento → CONTATTI

Nei muscoli e nel tessuto adiposo delle persone obese e nei diabetici, non viene prodotto abbastanza acido alfa-lipoico. L’obesità, l’iperglicemia diabetica e l’infiammazione, silenziano l’espressione genica della LIPOATO SINTASI (EC2.8.1.8), l’enzima deputato alla sintesi di acido alfa-lipoico.

La carenza di acido alfa-lipoico provoca disfunzione mitocondriale e le cellule diminuiscono la loro capacità a ossidare gli zuccheri ed i grassi.

Integrando la dieta con acido alfa-lipoico esogeno, le cellule musoclari e gli adipociti vengono stimolati a riattivare l’espressione genica della LIPOATO SINTASI, ripristinando la produzione endogena di acido alfa-lipoico con conseguente miglioramento della glicemia, della funzione mitocondriale e del sovrappeso. Per approfondire sulla biosintesi endogena dell’acido alfa lipoico, suggerisco di leggere la mia pubblicazione: Acido caprilico dell’Olio di Cocco – Alimentazione e Nutraceutica.

L’integrazione dietetica di acido alfa-lipoico ha un effetto anti-diabetico indiretto, perché stimola la produzione endogena di nuovo acido alfa-lipoico legata alla subuntà E2 della PIRUVATO DEIDROGENASI (EC2.3.1.12) ed alla subunità E2 della ALFA-KETOGLUTARATO DEIDROGENASI (EC2.3.1.61). Per maggiori dettagli su questi due enzimi contenenti acido alfa-lipoico, suggerisco di leggere il mio articolo intitolato: Piruvato Deidrogenasi e Diabete – Alimentazione e Nutraceutica.

Un altra cosa interessante è che la carenza di enzima LIPOATO SINTASI è associata a carenza di enzimi antiossidanti SOD e CAT (catalasi) , e questo spiega la presenza di stress ossidativo e disfunzione mitocondriale nei tessuti adiposi dei diabetici e obesi. L’integrazione alimentare di acido alfa-lipoico, oltre ad attivare l’espressione genica della LIPOATO SINTASI, incrementa anche i livelli di SOD e CAT, attenuando lo stress ossidativo mitocondriale [PMC2646058].

L’Acido Alfa Lipoico è disponibile in commercio come integratore alimentare, ed è naturalmente presente in alcuni alimenti; per approfondire, leggete la mia pubblicazione intitolata: Fonti Naturali di Acido Alfa-Lipoico – Alimentazione e Nutraceutica.

Acido Alfa-Lipoico e Longevità

Per Info sugli integratori preventivi dell’invecchiamento → CONTATTI

L’Integrazione alimentare con Acido alfa-lipoico, pare contribuire ad incrementare la longevità. Da pochi anni si sa che una dieta proteica ricca di metionina, accelera l’invecchiamento e accorcia la vita. Animali di laboratorio a cui è stata somministrata una dieta a basso contenuto di metionina, hanno incrementato del 40%, la loro durata di vita.

Sembra che anche l’integrazione nutrizionale di acido alfa-lipoico può contribuire ad incrementare la longevità. La supplementazione esogena di Acido alfa-lipoico, spinge la cellula a metilare l’acido alfa-lipoico, abbassando il potenziale di metilazione della cellula SAME/SAO, e la riduzione della metionina.

Infatti quando ingeriamo integratori di Acido alfa-lipoico esogeno, il fegato consuma SAME (un prodotto del ciclo dell’omocisteina), per produrre ACIDO 4,6-BISMETILTIO-ESANOICO (bmha) e ACIDO 2,4-BISMETILTIOBUTANOICO (BMBA) [PMC2782850]. Forse (è una mia ipotesi), l’acido alfa-lipoico assunto con la dieta, riducendo i livelli di SAMe, contribuisce ad attenuare la biosintesi delle poliammine spermidina, spermina, di eif-5A e dell’immunospppressore Metiltioadenosina (MTA). Per un maggior approfondimento sulle poliammine, suggerisco di leggere il mio articolo: Poliammine ed EIF5A – ALIMENTAZIONE E NUTRACEUTICA.

L’Acido Alfa-Lipoico incrementa anche l’espressione genica della FRATASSINA.

Una delle proprietà straordinarie dell’integrazione di acido alfa-lipoico esogeno, è quello di stimolare l’espressione genica della FRATASSINA, la proteina coinvolta nella formazione dei CENTRI FERRO-ZOLFO degli enzimi della catena di trasporto degli elettroni, dell’ACOTINASI (enzima del ciclo di Krebs) e della MOC3, della MOC3, enzima coinvolto nella sintesi della MoCO.

Gli stessi enzimi che fabbricano l’acido alfa-lipoico interno, richiedono la partecipazione della FRATASSINA, e quindi l’integrazione dietetica di acido alfa-lipoico esogeno, stimola gli enzimi che producono ulteriore acido alfa-lipoico (LIPOATO SINTASI e la FRATASSINA).

La FRATASSINA serve a trasportare il ferro dal citoplasma al mitocondrio, ed una volta dentro partecipa con la CISTEINA DESULFITASI (vitamina B6 dipendente) a produrre i CENTRI FERRO-SOLFO. Una carenza di fratassina causa un deficit della funzionalità mitocondriale, perché viene meno la formazione dei complessi della catena di trasporto degli elettroni, e una carenza di acido alfa lipoico. La carenza di FRATASSINA provoca la ATASSIA DI FRIEDREICH [PMC2772894].

Quindi secondo[PMC2772894], L’acido alfa lipoico esogeno, induce l’espressione della FRATASSINA, contribuendo alla formazione dei CENTRI [Fe-S], importantissimi per il funzionamento mitocondriale. Inoltre poiché l’enzima LIPOATO SINTASI utilizza come substrato una proteina contenente un centro [Fe-S] per la sintesi di acido alfa-lipoico endogeno, si intuisce che l’integrazione dietetica di acido alfa lipoico promuove la sua produzione endogena, stimolando contemporaneamente l’espressione genica della FRATASSINA e della LIPOATO SINTASI. Per approfondire sul funzionamento della FRATASSINA, suggerisco di leggere la mia pubblicazione, intitolata: Cibo e Ossigeno = Energia Vitale e Calore – Alimentazione e Nutraceutica.

Un Video sulla terapia dell’ ATASSIA DI FRIEDREICH, suggerisce che l’integrazione dietetica di RESVERATROLO e l’antiossidante EGB761 estratto dal Gingko biloba, stimola l’espressione genica della FRATASSINA, e quindi “secondo la mia intuizione personale”, anche della LIPOATO SINTASI, contribuendo a migliorare il metabolismo (Video in lingua Inglese).

Pubblicato dal Tecnologo Alimentare Dottor Liborio Quinto

Fonte Bibliografica Acido Alfa-Lipoico e Centri [Fe-S]

Acido Alfa-Lipoico e Centri [Fe-S]

NB! presenza di Link di affiliazione IconA su cui si percepiscono piccole percentuali

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.