Ossido Nitrico: Gas Cellulare della longevità

Ossido Nitrico: Gas Cellulare della longevità
L’enzima NOS serve a produrre Ossido nitrico, un gas che aiuta a prevenire gli incidenti cardiovascolari, regola la produzione di energia mitocondriale, e aiuta a sostenere l’attività cerebrale e nervosa e la funzionalità erettile del pene. Per funzionare bene richiede il BH4, un derivato dell’acido folico (vitamina B9). La carenza di BH4 compromette la funzionalità dell’enzima NOS, che invece di produrre il benefico Ossido nitrico, produce il terribile radicale superossido, che crea problemi ai tessuti, al sistema vascolare ed ai mitocondri.

Ossido Nitrico: Gas Cellulare della longevità (di Liborio Quinto)

Per Info sugli integratori alimentari che sostengono l’attività enzimatica dei NOS, scrivetemi su –> CONTATTI

L’ossido Nitrico è un gas prodotto all’interno dei vasi sanguigni e nei mitocondri che ha funzioni ormonali importanti:

  1. Regola la pressione arteriosa (abbassandola inducendo la vasodilatazione dei vasi sanguigni)
  2. Ha una funzione protettiva per i vasi sanguigni e per il cervello
  3. favorisce l’erezione del pene
  4. regola la produzione di energia
  5. Quando è prodotta in eccesso, contribuisce ad alimentare lo stress ossidativo e l’infiammazione.

La produzione di ossido nitrico è affidato ad un piccole enzima chiamato NOS (OSSIDO NITRICO SINTASI EC 1.14.13.39).

Esistono 4 tipi di NOS:

  1. nNOS o NOS1 che si trova nel tessuto nervoso (cervello)
  2. iNOS o NOS2 che è inducibile dall’infiammazione ed è prodotto da molti tessuti infiammati
  3. eNOS o NOS3 che si trova nei vasi sanguigni, ed ha la funzione di regolare la pressione, prevenire gli incidenti cardiovascolari e favorire l’erezione del membro maschile
  4. mt-NOS che si trova all’interno dei mitocondri, vicino al citocromo-C ossidasi, ed ha la funzione di regolare il flusso di elettroni e la produzione di energia.

Questi 4 NOS funzionano bene se dispongono di tutti i cofattori che hanno bisogno, sopratutto del BH4 (TETRABIOPTERIDINA), un derivato del ciclo dell’acido folico.

Quando i NOS sono carenti di BH4 e di altri cofattori, invece di produrre ossido nitrico, producono radicale superossido, creando disfunzione vascolare, danno cerebrale e disfunzione mitocondriale.

Quindi è bene far funzionare correttamente i NOS, fornendo i componenti che richiede.

L’enzima NOS per funzionare ha bisogno delle seguenti sostanze:

  1. NADP il cui precursore è la vitamina B3 (niacina)
  2. FAD ed FMN che derivano dalla Vitamina B2 (riboflavina o vitamina fluorescente)
  3. BH4 che deriva dal ciclo dei folati (vitamina B9) e dal riciclaggio del BH2 a mezzo dell’enzima DHPR (EC1.5.1.34)
  4. Ferro-Heme, una sostanza presente nella carne e prodotta anche attraverso la via delle profirine, e richiede la vitamina B6 e B2.
  5. La camodulina, una proteina che lega il calcio.
  6. L’arginina che è l’amminoacido (substrato) che l’enzima utilizza per trasformarlo in Citrullina + ossido nitrico
  7. Lo zinco

La mancanza di una di queste 7 sostanze, impedisce a NOS di funzionare, correttamente. In particolare, la carenza di BH4, trasforma l’enzima NOS in un “mostro”, perché invece di produrre ossido nitrico, produce radicale superossido e radicale perossinitrico che devastano i tessuti, le arterie ed il tessuto cerebrale, e compromette la produzione di energia da parte dei mitocondri.

Il BH4 è quindi di vitale importanza per il funzionamento degli enzimi NOS. Se c’è abbastanza BH4, i NOS producono Ossido nitrico e tutto va bene; Se la cellula è carente di BH4, i NOS producono terribili radicali liberi, che danneggiano le arterie, il tessuto nervoso e i mitocondri.

Per Info sugli integratori alimentari che sostengono l’attività enzimatica dei NOS, scrivetemi su –> CONTATTI

Per garantire una buona produzione di BH4, occorre assumere con la dieta una adeguata quantità di vitamina B9 (acido folico), meglio se associata ad altre vitamine del gruppo B, in particolare la B12, la B3, la B6 e la B2.

Per monitorare la corretta produzione di BH4, gli esperti suggeriscono di verificare i livelli di omocisteina; quando l’omocisteina tende a salire, c’è il rischio che l’organismo non produce abbastanza BH4 per soddisfare l’attività enzimatica dei NOS.

IL BH4 viene recuperata anche dal riciclaggio cellulare del BH2. Per fare questo, l’organismo utilizza l’enzima DHPR (EC1.5.1.34) che a sua volta funziona con la vitamina B3 (pecursore del NADPH). Sostanze tossiche come l’alcol e le catecolammine (ormoni dello stress), possono ostacolare l’enzima DHPR, creando carenze di BH4.

L’alcol riduce la possibilità di riciclare il BH4, perché interagendo con la L-DOPA, forma il SALSOLINOLO, un inibitore della DHPR (vedere database Brenda Enzyme). Le catecolammine sono ormoni della paura e dell’ansia (adrenalina, noradrenalina); Gli stati di ansia cronica possono inibire il DHPR, impoverendo l’organismo di BH4; la carenza di BH4, riduce la produzione di OSSIDO NITRICO ed aumenta quello dei radicali liberi (radicale superossido), creando danni ai vasi sanguigni, ipertensione, e disfunzioni mitocondriali. Questo può essere anche una spiegazione del perché l’ansia cronica predispone a cardiopatie e malattie.

Fonte Bibliografica (Ossido Nitrico: Gas Cellulare della longevità)

http://paduaresearch.cab.unipd.it/4625/1/Tesi_Dottorato_Di_Gangi.pdf


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Dottor Liborio Quinto

Sono un appassionato di Biologia e Chimica degli Alimenti, e condivido con Voi, il Mio sapere. Chi è interessato a propormi qualcosa, può contattarmi

Verified by MonsterInsights